Home Argomenti Politica Referendum Costituzionale. Le ragioni del No a confronto

Referendum Costituzionale. Le ragioni del No a confronto

Condividi

Comunicato Stampa.

In vista del referendum sulle riforme costituzionali che sta animando il dibattito politico nazionale, le ragioni del “sì” e quelle del “no” hanno trovato un interessante momento di libero confronto a Città della Pieve nella Sala del Concerto di Palazzo della Corgna.

Con Lorenzo Berna come moderatore, una stringente demolizione della riforma proposta dal governo è venuta dall’avv. Domenico Benedetti Valentini, già parlamentare di più legislature nelle Commissioni Affari costituzionali della Camera e del Senato, oggi non aderente ad alcun partito ma forte riferimento della cultura popolare di destra in Umbria. A suo avviso la riforma degrada il Senato, senza abolirlo, ad una riunione semi-legislativa di consiglieri locali, mentre sopprime spazi di rappresentanza democratica con il pretesto della riduzione dei parlamentari, che si sarebbe piuttosto ben attuata diminuendo di molto i seggi della Camera che è quella più pletorica e non in grado di funzionare. Di parere opposto Gianni Fanfano, indipendente, direttore editoriale del “Corriere Pievese”, per il quale la riforma, pur con innegabili ombre, può imprimere una accelerazione ai percorsi legislativi e comunque è il più concreto tentativo di ammodernare le istituzioni dopo vari decenni. Opinioni diverse anche sulla legge elettorale “Italicum”, di cui Fanfano apprezza lo spirito di attribuire a chiunque vinca la lezioni la possibilità di governare per l’intera legislatura, mentre Benedetti Valentini la ritiene “aberrante”, sia per la concentrazione del potere su un solo partito anche minoritario, sia per l’instaurazione totale di un Parlamento di “nominati” che allontanerà ancora di più gli elettori dalle urne.

Comitato per il No

Lorenzo Berna

* Nella foto: Domenico Benedetti Valentini e Gianni Fanfano al termine del contraddittorio con il moderatore Lorenzo Berna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here