La stagione dei campioni è già cominciata, in bocca al lupo EJ…!

Tra poco più di un mese comincerà  la preparazione per tutte le nostre squadre, dilettantistiche e amatoriali. Ma c’è già  un pievese che corre, suda e si allena per obiettivi molto importanti.
Stiamo parlando di Edgar Junior Cani, nato in Albania ma, dopo qualche mese, trasferitosi a Città della Pieve.
Il centravanti classe ’89 (già  4 goal in 10 presenze con la maglia della Nazionale albanese) ha lasciato il nostro paesino qualche giorno fa per raggiungere gli altri giocatori ed iniziare il ritiro pre-campionato di serie A. Dopo le molte offerte di mercato e le indiscrezioni che lo davano partente, Edgar Junior (per tutti noi pievesi semplicemente EJ) ha ricominciato questa stagione calcistica proprio dove aveva terminato l’anno scorso: a Catania.
La squadra allenata da mister Maran è una fucina di talenti che ogni anno dimostra di avere tutte le carte in regola per giocarsi un accesso in Europa. Quello che ci auguriamo è che quest’anno il giocatore che riuscirà  a mettere in mostra tutto il suo talento per permettere alla squadra di raggiungere il suo obiettivo sarà proprio il “nostro” campioncino.
Domenica, in un’intervista a itasportpress.it, ha parlato di lui il suo compagno di stanza ed amico Bellusci (difensore del Catania): ecco le sue parole: “Ci siamo visti anche prima del ritiro, io spero che resti, e non perché è mio amico, se dovesse essere preso in considerazione potrà  fare bene: si tratta di una punta classe ’89. Dunque è ancora giovane, lo giudico un bomber inesploso. Nella stagione scorsa aveva fatto bene in Polonia, recentemente pure con la Nazionale albanese”.
Aspettando di conoscere novità, mandiamo un grandissimo in bocca al lupo a E.J. ,magari con la speranza di riuscire ad intervistarlo nel corso della stagione..!!

Riguardo a Mattia Scricciolo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Poi arriva il Grande Torino. E capisci che nessun’altra storia sarà mai bella e struggente come quella

 Perché è una storia che parla di sole e di vento. E poi, di pioggia ...