Home Argomenti Politica Pieve di Tutti “Centro Commerciale Naturale. Alcune idee”

Pieve di Tutti “Centro Commerciale Naturale. Alcune idee”

Condividi

Mentre Panicale firma accordi di costituzione del Borgo Commerciale Naturale, Città della Pieve è ferma. Dopo slanci di progettualità negli anni precedenti sul Centro Commerciale Naturale, adesso tutto è spento. Si spengono le idee e anche la città perde vitalità.

Pensiamo che è sempre più necessario riflettere sul tema del commercio nel centro storico perché è indubbio che commercio significa socialità, movimento e vitalità.

È banale ripetere che negli ultimi decenni, con lo sviluppo della città espansa e dei centri commerciali extraurbani, c’è stato un cambiamento inarrestabile che ha svantaggiato il commercio dei centri storici.

È altrettanto scontato ripetere che occorrono una rivitalizzazione e strategie innovative. Pensiamo piuttosto che è il momento di avanzare proposte, basandoci su studi e buone pratiche già messe alla prova.

Crediamo che ci siano alcuni elementi  da potenziare.

Innanzi tutto è necessaria un’integrazione stretta tra operatori commerciali  e amministrazione pubblica. I compiti distinti naturalmente tendono poi a convergere  e a diventare azione unica e condivisa. La composizione ordinata degli interessi e dei valori in gioco è indispensabile in ogni ambito.

Spetta agli operatori  pensare ad un accordo che può assumere diverse forme ma che deve essere improntato ad un’azione comune di gestione della promozione e dell’animazione. Nell’autonomia delle singole imprese è fondamentale la pubblicità comune, aggiornata e aperta all’innovazione, attraverso i mezzi di comunicazione di massa, per rafforzare la definizione del luogo, dove la città stessa possa essere valore aggiunto e contribuire a creare fidelizzazione.

Spetta agli operatori pensare ad una posizione commerciale nuova e competitiva perché diversa rispetto ai centri commerciali. Questo significa rafforzamento dell’offerta, diversificazione equilibrata, peculiarità di prodotto e di relazioni. Questo vuol dire offrire merci comuni ma anche prodotti  non rintracciabili nelle immediate vicinanze con un accurato servizio di assistenza e personalizzazione, assente nelle grandi polarità commerciali extra-urbane.

Spetta agli operatori pensare ad una identità di mercato che esprima un’immagine di qualità legata anche al luogo.

Spetta alla pubblica amministrazione creare le condizioni e incentivare le azioni volte a presentare i centri come “prodotti” da vivere pienamente nella varietà delle risorse che li caratterizzano. Occorrono allora politiche attive che riguardano il contesto urbano e i servizi.

Spetta alla pubblica amministrazione intervenire sull’arredo urbano, qualificare l’aspetto e la vivibilità della città, rendere il contesto accogliente e amabile.

Spetta alla pubblica amministrazione pensare ad una buona accessibilità ai centri storici con la gestione del traffico e della sosta, con la pedonalizzazione delle vie commerciali che diventa elemento essenziale per favorire il passeggio e rendere il luogo vivibile, percorribile, godibile.

Insieme operatori pubblici e privati dovrebbero inoltre pensare a servizi continuativi per i consumatori quali intrattenimento per i bambini, offerte culturali e consegne a domicilio.

Poche cose che già potrebbero essere una rivoluzione.

da www.pieveditutti.com

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here