Home Argomenti Economia Traghetti verso le isole. La Provincia conferma il servizio

Traghetti verso le isole. La Provincia conferma il servizio

Condividi

da Nazione Umbria del 22-01-2016 – Autore: C.s.

Il servizio pubblico di navigazione sul Trasimeno è garantito per tutto il 2016. Lo stabilisce una delibera del presidente della Provincia di Perugia, Nando Mismetti, che escludendo qualsiasi variazione rispetto al 2015 conferma il servizio fino al prossimo 31 dicembre. Traghetti assicurati, dunque, e con le stesse modalità previste dal vecchio calendario. Il numero uno dell’ente di piazza Italia ha approvato il programma di esercizio per l’anno in corso e, contestualmente, ha disposto che il servizio di trasporto locale sulle acque del lago umbro venga effettuato secondo lo schema del 2015. Il trasporto di merci e persone lungo la tratta Passignano – Isola Maggiore-Tuoro seguirà l’orario già in vigore, che è diverso a seconda che ci si muova nei giorni feriali o in quelli festivi.

Per la provincia si tratta di una «buona notizia», specialmente per i residenti di Isola Maggiore, che nei mesi invernali potranno contare ancora sulle quattro corse giornaliere già garantite, divise tra mattina e pomeriggio. Le stesse che – va ricordato – hanno sollevato più di una protesta perché giudicate, dai cittadini e dagli operatori turistici e commerciali della zona – «insufficienti» a soddisfare le esigenze della popolazione, soprattutto di quella più anziana. La Maggiore conta venti abitanti, tre musei e undici attività commerciali e attrae turisti anche nel periodo invernale. Va meglio nei giorni festivi, quando le corse diventano sei. In ogni caso i battelli, gestiti in via esclusiva da Busitalia-Sita Nord sri, continueranno a trasportare merci e passeggeri. Tutto ciò in attesa che il servizio di navigazione venga ricompreso nell’ambito della gara unica (ferro-gomma-acqua) che la Regione provvederà ed espletare. I residenti di Isola Maggiore nei mesi invernali potranno contare sulle quattro corse giornaliere già garantite. Secondo cittadini e operatori turistici della zona sono comunque «insufficienti» a soddisfare le esigenze della popolazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here