Home Argomenti Politica Città della Pieve. Referendum. Costituito altro comitato per il No. Intanto...

Città della Pieve. Referendum. Costituito altro comitato per il No. Intanto domani il primo confronto.

Condividi

Città della Pieve sembra trainare, nella zona,  il confronto sul referendum costituzionale previsto per ottobre. Mentre venerdì sera. organizzato dal Comitato per il No che fa capo a Lorenzo Berna, ci sarà un confronto-dibattito fra le due posizioni rappresentate  da Domenico Benedetti Valentini e Gianni Fanfano, lunedì’ si è costituito un secondo comitato per il No, di cui pubblichiamo il comunicato stampa e che ha individuato nell’Arci  e in Claudio D’Arienzo il referente. (N.d.R)

“Comunicato stampa Arci Trasimeno.

Il 13 Giugno 2016, a Città della Pieve,dopo la relazione del prof. Mauro Volpi ed il dibattito che ne è seguito, si è costituito il Comitato locale per il no al referendum costituzionale e per bloccare l’Italicum.

Prime adesioni , organizzazioni ,Arci Comitato Trasimeno, CGIL, ANPI, PRC, M5S,SEL e singoli cittadini. Viene nominato referente del Comitato, Claudio D’Arienzo dell’Arci Comitato del Trasimeno, recapiti; trasimeno@arci.it, cell. 3470542426. Siamo aperti ovviamente ad ogni gruppo, persone , movimenti, organizzazioni e singoli cittadini che si ritrovano nelle ragioni del NO.. “Il Comitato per il NO  si è costituito sulla base della seguente piattaforma politica:

“Il disegno di legge costituzionale Renzi-Boschi di riforma della Parte II della Costituzione dissolve l’identità della Repubblica nata dalla Resistenza. È inaccettabile per il metodo e per i contenuti e lo è ancor di più in rapporto alla legge elettorale (52/2015) già approvata.

Nel metodo: è stato costruito per la sopravvivenza di un governo e di una maggioranza privi di qualsiasi legittimazione sostanziale dopo la sentenza con la quale la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità del «Porcellum». Molteplici forzature di prassi e regolamenti hanno determinato in parlamento spaccature insanabili tra le forze politiche, portando all’approvazione da parte di possibili maggioranze raccogliticce e occasionali, rese unicamente dal premio di maggioranza dichiarato illegittimo.

Nei contenuti: la cancellazione della elezione diretta dei senatori, la drastica riduzione dei componenti — lasciando immutato il numero del deputati — la composizione fondata su persone selezionate per la titolarità di un diverso mandato (e tratta da un ceto politico di cui l’esperienza dimostra la prevalente bassa qualità) colpiscono irrimediabilmente il principio della rappresentanza politica e gli equilibri del sistema istituzionale.

Non basta l’argomento del taglio del costi, che più e meglio poteva perseguirsi con scelte diverse.

Né basta l’intento dichiarato di costruire una più efficiente Repubblica delle autonomie, smentito dal complesso e farraginoso procedimento legislativo, e da un rapporto stato-Regioni che solo in piccola parte realizza obiettivi di razionalizzazione e semplificazione, determinando per contro rischi di neo-centralismo.

Il vero obiettivo della riforma è lo spostamento dell’asse istituzionale a favore dell’esecutivo.

Una prova si trae dalla introduzione in Costituzione di un governo dominus dell’agenda dei lavori parlamentari.

Ma ne è soprattutto prova la sinergia con la legge elettorale «Italicum», che aggiunge all’azzeramento della rappresentatività del senato l’indebolimento radicale della rappresentatività della camera dei deputati. Ballottaggio, premio di maggioranza alla singola lista, soglie di accesso, voto bloccato sui capilista consegnano la camera nelle mani del leader del partito vincente — anche con pochi voti – nella competizione elettorale, secondo il modello dell’uomo solo al comando.

Ne risente infatti l’elezione del capo dello Stato, dei componenti della corte costituzionale, del Csm.

E ne esce indebolita la stessa rigidità della Costituzione.

La funzione di revisione rimane bicamerale, ma i numeri necessari sono alla Camera artificialmente garantiti alla maggioranza di governo, mentre in Senato troviamo membri privi di qualsiasi legittimazione sostanziale a partecipare alla delicatissima funzione di modificare la Carta fondamentale.

L’incontro delle forze politiche antifasciste in Assemblea costituente trovò fondamento nella condivisione di essenziali obiettivi di eguaglianza e giustizia sociale, di tutela di libertà e diritti. Sul progetto politico fu costruita un’architettura istituzionale fondata sulla partecipazione democratica, sulla rappresentanza politica, sull’equilibrio tra i poteri. Il disegno di legge Renzi-Boschi stravolge radicalmente l’impianto della Costituzione del 1948, ed è volto ad affrontare un momento storico difficile e una pesante crisi economica concentrando il potere sull’esecutivo, riducendo la partecipazione democratica, mettendo il bavaglio al dissenso. Non basta certo in senso contrario l’argomento che la proposta riguarda solo i profili organizzativi.

L’impatto sulla sovranità popolare, sulla rappresentanza, sulla partecipazione democratica, sul diritto di voto è indiscutibile.

Più in generale, l’assetto istituzionale è decisivo per l’attuazione dei diritti e delle libertà di cui alla prima parte, come è stato reso evidente dalla sciagurata riforma dell’articolo 81 della Costituzione.

Bisogna dunque battersi contro questa modifica della Costituzio con una battaglia referendaria come quella che fece cadere nel 2006, con il voto del popolo italiano, la riforma — parimenti stravolgente — approvata dal centrodestra.

Per queste ragioni il Comitato per il No nel referendum sulle modifiche della Costituzione ritiene che occorra impedire che questa “riforma” cambi il volto costituzionale delle nostra Repubblica.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here