Home Argomenti Arte e Cultura Panicale – “Boldrino”, un fumetto ne ricorda le gesta

Panicale – “Boldrino”, un fumetto ne ricorda le gesta

Condividi

Omaggio al grafico Vergoni a due anni dalla scomparsa. Boldrino da Panicale rivive attraverso il fumetto. Sarà presentato sabato 13 febbraio ’16 alle ore 16,30 nella Sala consiliare del Comune di Panicale il volume a fumetti “Boldrino da Panicale tristo anche da morto”. Si tratta di una pubblicazione dedicata al celebre capitano di ventura a cui la storia e il nome di Panicale sono molto legati. La sua presenza e il suo modo di guerreggiare valsero a questo piccolo borgo una solida alleanza con la città di Perugia, che gli consegnò le proprie chiavi a seguito della vittoria contro i Bretoni, alla fine del ‘300. La leggenda vuole che il condottiero fosse temuto persino da morto (da qui il sottotitolo del libro “tristo anche da morto”), e per questo fu trasportato (dopo esser stato ucciso a tradimento a Macerata) per tre anni  dai suoi soldati, nei diversi campi di battaglia. Il suo corpo imponente incuteva timore anche senza vita.

Il suo fiero ritratto fa parte della Collezione Mariottini, esposta all’interno della Sala Consiliare di Panicale, dove verrà presentato il volume sabato prossimo. Il libro si avvale dei disegni di Marco Vergoni, noto grafico perugino scomparso due anni fa che, con matita sapiente e ironica, ha raccontato la città del Grifo e i suoi personaggi, come il Pinturicchio, Braccio da Montone, Domenico Lupattelli, Colomba Antonietti. Grafico, pittore, illustratore, fumettista ha dato vita con la sua matita a personaggi e storie originali che, a partire dagli anni Settanta del Novecento, gli hanno valso diversi riconoscimenti a livello nazionale. I testi del fumetto invece sono firmati da Daniele Giovagnoni, anch’egli perugino tra i fondatori dell’Officina delle Scritture e dei Linguaggi. Tiene corsi di scrittura creativa e sceneggiatura del fumetto. La presentazione di sabato è un’occasione di incontro nel secondo anniversario della scomparsa di Vergoni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here