Home Argomenti Cronaca Lutto a Città della Pieve per la morte del Prof. Schillaci

Lutto a Città della Pieve per la morte del Prof. Schillaci

Condividi

ARCHIVIO DEL CORRIERE PIEVESE
21 DICEMBRE 2016

La notizia della morte del “dottor Schillaci” ha suscitato un grande e sincero cordoglio in tutta Città della Pieve. Il professor Giuseppe Schillaci primario di medicina presso l’Ospedale di Terni, è stato per molti anni, un punto di riferimento nell’Ospedale pievese, tra la fine degli anni ’80 e per tutti i ’90, come aiuto del professor Benemio.

Così lo ricorda Marco Bertozzi “Persona scientificamente tra i medici più importanti a livello nazionale per gli studi sull’ipertensione. Estremamente misurato negli stili di vita, cordialissimo con i colleghi e i pazienti. Abbiamo condiviso oltre al lavoro nell’ospedale pievese anche la scuola infermieri che avevamo qui a Città della Pieve, dove eravamo impegnati come insegnanti. Lui poi è andato a Terni, chiamato dall’Università di Perugia. Ha abitato per anni a Città della Pieve, con la moglie Chiara e i tre figli. Cattolico. Molto impegnato. ” (N.d.R)

Questo il comunicato stampa della Presidenza della Giunta Regionale Umbera

(aun) – “La scomparsa del professor Giuseppe Schillaci, docente all’università di Perugia e responsabile della struttura complessa di medicina interna dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni, ci addolora enormemente”, afferma la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini.

“Scompare un vero scienziato, un professionista colto e competente, dotato di grande umanità nella relazione con i pazienti.

Ne ho sempre apprezzato, infatti, le sue doti umane e professionali, espresse da una grande passione per il lavoro ed attenzione ai processi di innovazione e cambiamento nella sanità pubblica regionale e del Paese.

A noi tutti rimarrà il ricordo e l’apprezzamento delle sue competenze e l’amarezza di non averlo più con noi.

Alla moglie ed ai figli giungano le condoglianze e la vicinanza di tutta la Giunta regionale dell’Umbria, avendo l’orgoglio di averlo conosciuto ed apprezzato moltissimo come uomo e come professionista”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here