Home Rubriche Sbandieratori, primi alla Parata Nazionale della Bandiera

Sbandieratori, primi alla Parata Nazionale della Bandiera

Condividi

di Filippo De Fabrizio. Primo posto nella categoria Grande Squadra conquistato alla Parata Nazionale della Bandiera svoltasi a Lucera dal 4 al 6 settembre.

“Campioni d’Italia, categoria grande squadra della Lega Italiana Sbandieratori… Compagnia Sbandieratori e Musici di…” E qui si ferma tutto, perché un po’ già lo sai che quel primo gradino del podio è tuo. Siamo stati i più forti, è l’anno buono, dobbiamo vincere. In quei momenti mille immagini ti riempiono la testa: le prime prove con quella bandiera che sembrava così pesante e impossibile da maneggiare, i primi campionati a tifare gli altri che scendevano nel quadrato per il Gruppo, la prima gara e la grande tensione, le prime medaglie conquistate con sacrifici e sudore. Quello è l’attimo più bello, il secondo in cui tutto può succedere: una parola ed esploderà la festa. Penso che in quel momento tutti abbiamo provato la stessa sensazione, tutti noi speravamo che la frase pronunciata dal Presidente della Lega finisse in quel modo. Dopo nove anni di astinenza volevamo tornare di nuovo ad essere i più forti.

È una gioia condivisa un campionato, tre giorni in cui esistono solo il rosso e il blu delle nostre bandiere, gli squilli delle nostre chiarine, i ritmi dei nostri tamburi. Sei te stesso in quanto fai parte del Gruppo della Pieve, non potrebbe essere altrimenti. Questa è stata, è e sempre dovrà essere la nostra grande forza: una passione che non smette di unirci e si rafforza nelle vittorie come nelle sconfitte, una passione che dura una vita. Per questo una medaglia, soprattutto se d’oro, vuol dire tante cose, in essa è racchiuso tutto ciò che hai fatto per il Gruppo ma anche tutto ciò che il Gruppo ha fatto per te. Basta pensare al brivido che provi quando senti la prima nota di una canzone, o quando vedi che in un lancio tutto è andato bene. Non è facile descriverlo, bisogna provarlo. E se chiudo gli occhi lo sento ancora: “…Città della Pieve!”.

Filippo De Fabrizio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here