Home Rubriche Elezioni Chiusi. “Possiamo” contesta l’operato del Sindaco in campagna elettorale

Elezioni Chiusi. “Possiamo” contesta l’operato del Sindaco in campagna elettorale

Condividi

Comunicato stampa.

La natura sempre più individualista del rapporto tra cittadino e istituzione, porta il cittadino a rivolgersi ad essa per risolvere esclusivamente problemi di carattere personale e l’istituzione a rispondere in modo da rafforzare la logica che confonde i ruoli democratici e rappresentativi con la personalizzazione della politica .

Gestire il rapporto in questo senso tende a convalidare pratiche di ricerca di un consenso perenne, esasperandone i toni soprattutto nel periodo di campagna elettorale. Questa consolidata pratica di affermazione personalistica della politica tende a creare nella popolazione un atteggiamento di sudditanza nei confronti del potere, al punto che si arriva a dimostrare scarsa curiosità nei confronti delle altre proposte politiche portate avanti dalle liste alternative. Inoltre questa genera, da parte di chi esercita il potere da diverso tempo, un atteggiamento scontato di arroganza e insufficienza verso le regole etiche e democratiche del confronto tra opinioni e programmi diversi, al punto che le persone, sia singole che riunite in associazioni, fanno fatica ad esprimere le proprie opinioni, condizionate dal timore che questo possa avere delle ricadute.

Possiamo dire che si possa separare la partecipazione a eventi, iniziative culturali e sociali importanti, inaugurazioni, assemblee, competizioni sportive, convegni sulla salute in qualità di “sindaco f.f.” – firmando lettere di consegna della Costituzione ai neo diciottenni (con quale coraggio visto che il segretario nazionale dello stesso partito la vuole distruggere?) – dalla partecipazione ad incontri rivolti ad associazioni e quartieri della nostra città, visite in aziende, con tanto di fotografo e sorriso di circostanza, con disinvoltura e facilità in qualità di candidato a sindaco?

Il nostro intervento a questo punto della campagna elettorale si rende necessario al fine di contestare l’ennesimo atto di promozione elettorale subliminale che inficia la serietà e la correttezza di un confronto alla pari tra candidati in corsa per le amministrative del 5 giugno. Contemporaneamente ringraziamo tutti coloro che ci sostengono e che stanno attivamente partecipando ai nostri incontri, fortemente interessati a conoscere le nostre proposte programmatiche, e sinceramente vicini sia politicamente che umanamente. La ricchezza e la forza delle nostre idee risiedono nel dibattito tra i nostri candidati e i cittadini che, noncuranti delle pressioni, sostengono il nostro percorso programmatico ed elettorale.

Il candidato a sindaco e i candidati della lista “Possiamo – Sinistra per Chiusi”

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here