Home Rubriche Bittarello, Meo, Fanfano: il ‘900 pievese.

Bittarello, Meo, Fanfano: il ‘900 pievese.

Condividi

Nei primi giorni di novembre si apre il nuovo anno accademico 2014 – 2015 della Libera Università. Cominciamo a presentare  nel dettaglio il programma complessivo delle iniziative e quello dei singoli corsi. E non potevamo non dare la precedenza al corso sulla “Storia pievese”. Quest’anno la novità è soprattutto nella formula, cioè nel coinvolgimento a livello di docenti di tre diverse persone. Sono Valerio Bittarello, Maria Luisa Meo e Gianni Fanfano. Lo scopo è quello di mettere insieme sia le ricerche finora fatte da tre delle personalità più attive in questo campo riferite al 900, sia di giovarsi delle diverse curiosità, sensibilità e professionalità. Bittarello infatti tratterà i temi dei beni artistici e culturali e quelli dell’assetto del territorio e del paesaggio, Meo quelli di carattere culturale e sociale e degli eventi, mentre Fanfano si soffermerà su quelli più propriamente economici e politici.

Il titolo “Il secolo breve a Città della Pieve” riprende una fortunata definizione dello storico britannico Hobsbawn e sarà il tema dell’incontro iniziale che vedrà impegnati tutti e tre i relatori.

Sotto riportiamo il programma completo del corso.

 “ Il Secolo breve a Città della Pieve”

 Per una lettura del Novecento Pievese: aspetti economici, politici, sociali e culturali.

 

A cura di Valerio Bittarello, Gianni Fanfano, Maria Luisa Meo.

 “ Il Secolo breve”: motivazioni e contenuti del corso.

 1.Dalla prima guerra mondiale e dalla rivoluzione dei soviet al crollo del muro di Berlino: opinioni a confronto.

Lezione congiunta (Bittarello, Fanfano, Meo)

  I Primo Novecento

 2.La destra liberale e borghese,

La nascita del movimento contadino e socialista  

La figura di Arduino Fora (Fanfano)

3.Dati demografici

Struttura sociale ed economica

Classi e modelli di vita (Meo)

 4.I Lavori dell’amministrazione Fora (Bittarello)

 

 Il fascismo, la guerra e la liberazione.

 

5.Un fascismo celebrativo.

L’antifascismo pievese

La figura di Solismo Sacco (Fanfano)

 6.Primo incontro

Stabilità sociale

Politiche sociali e assistenziali

Enti e organismi

Vita sociale ed eventi celebrativi (Meo)

 7.Secondo incontro:

le associazioni (di status, di solidarietà, religiose e politiche);

vita sociale urbana ed eventi.(Meo)

 8.I lavori di decorazione nella Chiesa del Gesù: le figure di Filiberto Cappannini, Antonio Marroni, Pietro Saracini (Bittarello)

 

 Dalla Repubblica alla Regione.

 

9.Fine del mondo agricolo e della Frazzi.

La modernizzazione pievese. Gli uffici periferici dello stato, l’autostrada,  la direttissima, il turismo, le scuole.

Il piccolo miracolo economico.

Le figure di Marino Serafini, Piero Scricciolo, Mario Barzanti e don Oscar Carbonari.(Fanfano)

 10.Decrescita demografica  ed emigrazione;

Sfaldamento del sistema mezzadrile e ridefinizione sociale;

Nuovi modelli di sviluppo;

Politiche sociali ed educative;

Associazioni e promozione della città;

Vita collettiva ed eventi.(Meo)

 11.Il Largo della Vittoria

Il Parco della Rimembranza

Il Conservone nella ex Chiesa di Sant’Anna(Bittarello)

  

  • I movimenti e le sconfitte degli anni Settanta.

 

12.Dal compromesso storico alla rivincita del liberismo.

Il Sessantotto  a Città della Pieve

Dal PCI dei mezzadri e degli artigiani a quello degli studenti.

Il passaggio  del terrorismo rosso e nero.

Nascita e morte del comprensorio.

Fine della Diocesi pievese.

Dalla riforma dello stato alla moltiplicazione dello stato: il fallimento della citta regione.

 Opinioni a confronto(Fanfano)

                13.Nuovi sistemi territoriali (Regione e Comprensorio);

               il lavoro e le politiche di sviluppo;

               welfare e politiche sociali;

               eventi collettivi.(Meo)

  

14.L’espansione di Città della Pieve nel dopoguerra

La riscoperta del centro storico(Bittarello)

 15.Il fotografo Andrea Cecchetti e l’erudito Fiorenzo Canuti(Bittarello)

 

  • Natura e ruolo del PCI

 

16.Il PCI ed oltre Il PCI.

L’opposizione politica e sociale. La Dc, la Chiesa, il Giornale Pieve Nostra.(Fanfano)

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here