Home Argomenti Economia Redditi medi in Umbria per comune. Chi sale e chi scende

Redditi medi in Umbria per comune. Chi sale e chi scende

Condividi

Rassegna Stampa. dal Nuovo Corriere Nazionale di Giuseppe Castellini

 Tra le dichiarazioni dei redditi presentate nel 2009 (anno di imposta 2008) e quelle presentate nel 2015 (anno di imposta 2014), il reddito medio annuo dei contribuenti umbri è sceso in termini reali (ossia tenendo conto dell’inflazione, che nel periodo considerato è stata del 9,7%), del 3,7%. Assai meno del -7,6% fatto segnare dal reddito complessivo reale in Umbria nello stesso periodo, in quanto evidentemente (al netto di aumenti o diminuzione di abitanti) un certo numero di persone che nel 2008 erano contribuenti perché avevano un reddito, nel 2014 non lo sono più perché il reddito lo hanno perso (è il caso, ad esempio, di chi nel 2008 lavorava e nel 2014 è a spasso). Diciamo quindi che, complessivamente, i comuni umbri – in media – si sono impoveriti di quanto di quanto non abbiano fatto i contribuenti rimasti. Così, se il reddito complessivo tra il 2008 e il 2014 aumenta in Umbria in 4 comuni, il reddito medio per contribuente vede il segno più in 12 su 92.

CHI VA PEGGIO II comune umbro che perde di più in termini di reddito medio annuo per contribuente è Paciano ( -11%, ossia i redditi dichiarati dai contribuenti sono scesi, in media dell’ll%). La ‘top ten’ dei peggiori, una sorta di black list, oltre a Paciano comprende, a salire, Monteleone di Spoleto ( 10,2%), Cerreto di Spoleto ( 7,9%), Bevagna(-7,7%),Acquasparta ( – 6,4%), Fratta Todina (-6,4%), Calvi dell’Umbria (-6,4); Gubbio (5,6%), Nocera Umbra (5,5%)eAlviano(-5,4%).

I MIGLI ORI La ‘top ten’ dei municipi umbri in cui il reddito medio reale per contribuente sale di più è composta da Poggiodomo (+5,2%), Lisciano Niccone (+3,6%), Scheggino (+2,7%), Corciano (+2,2%), Vallo di Nera (+2,1%), Giano dell’Umbria (+2%), Polino (+1,4%), Parrano ( +1,4%) e Montecchio (+0,7%). In zona positiva, ma fuori dalla ‘top ten’ dei migliori, anche Citerna (+0,7%) e Città della Pieve (+0,6%).

I COMUNI OLTRE 10MILA ABITANTI Tra i comuni maggiori, tutti mostrano il segno meno nel reddito medio annuo per contribuente, tranne Corciano. Che, tra i comuni maggiori, è anche l’unico a presentare il segno più anche nel reddito reale complessivo 20082014, per cui questo comune nel periodo considerato è diventato più ricco sia complessivamente, sia nella media per contribuente (tutti gli altri si sono impoveriti sia complessivamente, sia nella media per contribuente). E se San Giustino tutto sommato limita i danni (il contribuente, in media, in 8 anni perde l’i,i%), non è così per Gubbio ( 5,6%), che tra le realtà oltre lomila abitanti presenta il risultato peggiore. Dopo San GiustinoUmbertide (-1,2%), Castiglione del Lago (-1,5%), Assisi (-2,4%), Foligno (2,5%), Narni (-2,9%), Bastia Umbra (-2,9%), Todi (-3%), Città di Castello (- 3,2%), Marsciano (-3,2%), Orvieto (-3,3%), Spoleto (-3,6%), Gualdo Tadino (-3,6%), Terni (-4,4%), Magione (-4,8%), Perugia (-5,4%) e, appunto, Gubbio (-5,6%).

GLI ALTRI COMUNI Ed ecco, per completezza, l’andamento negli altri comuni (quelli che non sono nella ‘top ten’ dei migliori, nella ‘blacklist’ e che hanno meno di lomila abitanti). Arrone (-0,5%), Monteleo ne d’Orvieto (-0,5%), Piegaro (-o,7%),Preci(-i,i%),San Gemini ( -1,3% ), Forano ( i,6%),Pietralunga(-i,8%), Massa Mariana (-1,8%), Nor- eia (-1,9%), Guardea (-1,9%), Attigliano (-1,9%), Fabro(1,9%), Giove (-2%), Avigliano (-2,1%), LugnanoinTeverina (-2,1%), Gualdo Cattaneo (2,1%), Castel Viscardo (2,3%), Costacciaro (-2,4%), Montegabbione ( -2,5%, PennainTeverina -2,5%, Cannara (-2,7%), Montef ranco (2,7%), Sant’Anatolia di Narco (-2,7%),SanVenanzo(-3%), Amelia (-3,1%), Ficulle (3,4%), Castel Ritaldi (-3,4%), Allerona (-3,4%), Tuori (- 3,4%), Passignano (-3,4%), Montefalco(-3,6%), Panicale (-3,7%), Deruta (-3,7%), Ferentillo (-3,7%), Valfabbrica (-3,8%), Monte Castello di Vibio (-3,8%), Spello (- 3,8%), Montecastrilli (3,9%), Collazzone (-4%), Cascia (-4%), Baschi ( -4,1%), Bettona (-4,2%), Campello sulClitunno (-4,2%), Stroncone (-4,3%), Fossato di Vico (-4,3%), Sellano (-4,4%), Torgiano (-4,5%), Trevi (4,7%),Valtopina (-4,8%), Castel Giorgio (-4,9%), Monte Santa Maria Tiberina ( 4,95), Montone (-4,895), Sigillo (-4,9 %), Otricoli (5,2%).

Realtà maggiori Maglia nera a Gubbio, molto male anche Perugia, che fa peggio del dato negativo di Terni Cresce solo Torgiano, Foligno segna-2,5% –

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here