Home Argomenti Cronaca Rassegna: le Regioni sono troppe

Rassegna: le Regioni sono troppe

Condividi

Una volta si chiamavano presidenti di regione, ora vengono chiamati pomposamente e all’americana,  “Governatori”. Già questo la dice lunga sulla crisi delle regioni. Nate per riformare lo stato,  lo hanno moltiplicato, dovevano semplificare la pubblica amministrazione e hanno fatto dilagare la burocrazia, dovevano avvicinare il cittadino al governo e hanno creato decine di enti e agenzie inutili, dovevano rendere efficiente la spesa pubblica e l’hanno aumentata, messa fuori controllo e a disposizione, spesso, anche della corruzione.. Finalmente dopo risultati come quelli delle ultime regionali in Emilia,dove ha votato meno della metà degli elettori,  che è stata una vera e propria campana a morto per il regionalismo,  nella casa di quello che è stato definito da sempre tra i più virtuosi, qualcosa comincia a muoversi e se ancora non sono maturi i tempi per la loro abolizione si incomincia a parlare della loro riduzione. A farlo non sono uscite estemporanee di qualche studioso o la giusta rivolta dei cittadini esasperati, , ma due fra i maggiori presidenti di regione del PD, Lazio e Piemonte, Zingaretti e Chiamparino.

In Umbria,  ci si rinserra nel fortino della conservazione , si comprano i viveri e si prova a resistere all’assedio del cambiamento. L’atteggiamento dovrebbe essere esattamente il contrario. Capire quale potrebbe essere la nuova tappa del cambiamento necessario, farne una bandiera e trovare il massimo delle utilità in un  processo irreversibile. E perché no, come garantire quel poco di buono che magari si è anche fatto.

Non è  giusto  fare di ogni erba un fascio, ma è altrettanto ingiusto continuare come se niente fosse successo.

Questi temi continueranno ad essere presenti e stimolati nelle nostre colonne. Qui di seguito riportiamo alcuni articoli apparsi in questi giorni sulla stampa locale e quella nazionale. ( g.f)

corrierepievese@gmail.com

1 r

2 r

3 r

4 r

5 r

6 r

7 r

8 r

9 r

10 r

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here