Home Argomenti Arte e Cultura Piegaro – In mille ad ammirare l’arte del vetro

Piegaro – In mille ad ammirare l’arte del vetro

Condividi

Piegaro,  – “L’opera dei vetrai” incanta il pubblico di Piegaro. Si calcola che siano state almeno un migliaio le persone che tra sabato pomeriggio e domenica abbiano raggiunto il Museo del vetro del piccolo borgo umbro per vedere all’opera alcuni tra i migliori artigiani del vetro. La sesta edizione di questa manifestazione, ideata e organizzata dal Museo del Vetro e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Piegaro, sarà ricordata per aver chiamato a raccolta quindici tra i più capaci mastri vetrai giunti dai principali distretti del vetro in Italia e in Europa. Ma la particolarità di questa edizione sta anche nella messa a disposizione di un laboratorio in grado di fornire ai partecipanti macchine e strumentazioni per cimentarsi su tutte le tecniche di lavorazione.

Ovvero una fornace, un forno per la vetro fusione e tutti gli strumenti necessari per la lavorazione a lume. E così, fino alla tarda ora di sabato e poi per tutta la giornata di ieri, domenica 9 ottobre, complice la Sagra della castagna in corso a Piegaro che ha favorito l’arrivo di persone, il Museo del vetro è stato continuamente visitato da appassionati o semplici curiosi che oltre all’osservazione si sono potuti anche cimentare su questa particolare attività. Grazie infatti a laboratori ad hoc, grandi e piccoli hanno avuto la possibilità di familiarizzare con le più svariate tecniche: tiffany, soffiatura, lume vetro fusione, incisione mosaico. Evento nell’evento poi sabato pomeriggio l’inaugurazione di una statua in bronzo, realizzata dal Maestro Piero Bertelli e donata al Comune di Piegaro da Giovanni Bartolozzi, fondatore e proprietario della Vetreria Etrusca di Montelupo Fiorentino. Il legame di Bartolozzi con il centro della Valnestore parte da lontano. Fondatore e proprietario della Vetreria Etrusca, famosa realtà industriale che da oltre 60 anni produce contenitori, ha frequentemente collaborato con la fabbrica del vetro di Piegaro.

Ed oggi il suo attaccamento a questi luoghi e ai lavoranti è stato suggellato dalla donazione di una preziosa statua raffigurante un vetraio all’opera che d’ora in poi farà bella mostra di sé all’interno dello spazio museale. Un omaggio al borgo, alle sue storiche maestranze e ad un mestiere che ha permeato il tessuto economico del territorio e sul quale gli amministratori locali, come ribadito anche in occasione dell’inaugurazione della statua, vogliono tornare a scommettere. “La scultura di Bertelli – è stato detto – diventa il punto di congiunzione tra un passato importante e un futuro che si spera possa tornare a restituite speranza alle giovani generazioni”. L’opera dei vetrai, del cui allestimento si è occupato l’Ufficio cultura e turismo del Comune, è realizzata anche con il contributo economico del Circolo ENDAS e ASD Piegaro.

Piero Bertelli

Nato a Montelupo Fiorentino (Firenze) nel 1940, all’età di 15 anni fu assunto dalla prestigiosa Fonderia Marinelli di Firenze come ritoccatore di cere e creatore di modelli. Studiò disegno con i più noti pittori della zona e dal 1959 al 1961 frequentò la Scuola del Nudo dell’Accademia di Belle Arti di Firenze. Bertelli ha gestito la Fonderia Marinelli fino al 1998 quando è andato in pensione: oggi continua la sua attività di scultore in continuo rapporto di collaborazione con la fonderia. Nel 1970 ha ricevuto il “Premio Nazionale per lo Sport e l’Arte” al Palazzo dei Congressi di Firenze e nel 1984 il premio “Lyceum” per l’Arte della Scultura a Milano. Celebri le sue sculture “Patrizia”, “Donna allo specchio”, “Adolescenza”,  la fontana dei “Marlyns”, etc.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here