Home Rubriche Paciano – Il Romanticismo del Trasimeno, lungo week end tra tradizione e...

Paciano – Il Romanticismo del Trasimeno, lungo week end tra tradizione e innovazione

Condividi

Paciano, 22 giugno ’16 – Tre giorni di Romanticismo a Paciano. Il piccolo borgo del Trasimeno aderisce all’iniziativa dei Borghi più belli d’Italia con la tre giorni dal titolo “Memorie per il futuro: arti, artigianato, tradizioni e innovazione”. Il 24, 25 e 26 giugno un lungo weekend per scoprire il romanticismo del paesaggio del Trasimeno. Si parte venerdì alle ore 21 con la Festa di San Giovanni, evento nel giardino di palazzo Baldeschi per realizzare la tradizionale acqua profumata. Sabato 25, a partire dalle ore 10 visite guidate a piedi e con bici a pedalata assistita, laboratori, musica, enogastronomia. Alle ore 17 sarà poi la volta della tavola rotonda “Landscape and arts: dal Perugino ai paesaggi”, promossa con il Fai Trasimeno presso TrasiMemo – Banca della Memoria del Trasimeno.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco Riccardo Bardelli, dell’assessore regionale Fernanda Cecchini e del Presidente del Fai Umbria Nives Tei, interverranno Mario Squadroni, della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Umbria e delle Marche, Cristina Papa, dell’Università degli Studi di Perugia, Antonella Pinna, della Regione Umbria (Musei, Archivi e Biblioteche), Giovanni Moriconi, Regione Umbria (Pianificazione e Tutela paesaggistica), Paolo Camerieri, Regione Umbria (Pianificazione e Tutela paesaggistica), Luca Chiarini, del FAI Bosco di San Francesco, Cinzia Marchesini, di TrasiMemo. I lavori del convegno saranno coordinati da Luca Marchegiani, del Fai Trasimeno.

Alla tavola rotonda seguirà alle ore 19 l’apertura della mostra fotografica sui paesaggi del Lago “Impressioni del Lago Trasimeno” con l’autore e curatore Andrew Jones. Sempre sabato, alle ore 15 e alle ore 18,30, sarà possibile prendere parte alla “Pedalata romantica”, per la visita panoramica sulle due ruote tra i territori di Paciano e Panicale. Domenica 25 alle ore 10 e 30 è in programma la raccolta della ginestra, prima fase della lavorazione del filo di maggio, mentre alle ore 17 in piazza della Repubblica è la volta di “La parola diventa poesia. L’amore al Lago nella Belle Époque”, narrazione di poesie e lettere d’autore a cura di Gianfranco Zampetti, poeta e attore umbro con l’accompagnamento musicale di Elisa Tremamunno, violino e Maria Rita Carletti, pianoforte.

da stampa e provincia

corrierepievese@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here