Magione. Giovane tratto in arresto, per oltraggio a pubblico ufficiale, dopo incidente. Il mezzo era andato a sbattere contro un muretto provocando la rottura di una conduttura del gas metano

(Comunicato stampa)

Arrestato per oltraggio a pubblico ufficiale il giovane che ieri pomeriggio, intorno alle 17, era a bordo del mezzo andato a sbattere contro un muretto nel centro storico di Magione provocando anche la rottura di una conduttura del gas metano.

Il mezzo,  una Bmw dove si trovavano tre passeggeri – due uomini e una donna di nazionalità straniera e molto giovani – proveniente da lago e diretta verso Perugia, probabilmente, ma le dinamiche dell’incidente sono al vaglio delle forze dell’ordine, a seguito di un sorpasso effettuato poco prima del rettilineo di corso Marchesi, strada che taglia in due il centro storico del capoluogo di Magione è andato ad urtare violentemente un muretto addossato al palazzo della biblioteca comunale provocando la rottura della tubatura del gas metano. All’interno della vettura, oltre al conducente, si trovavano un altro ragazzo e una ragazza che nell’urto ha riportato delle ferite.

Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 che nel dare le prime cure alla ragazza contro cui il ragazzo già aveva iniziato a discutere con animosità. Animosità aumentata all’arrivo dei carabinieri verso cui le parole si sono fatte più accese fino ad arrivare ad aggredire uno dei carabinieri. Gli agenti lo hanno quindi fermato e portato in caserma dove è scattata la denuncia per oltraggio  a pubblico ufficiale.

Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco e i tecnici per la valutazione del danno alla conduttura.

In ambedue i casi, pur essendosi verificati in orari in cui stava girando parecchia gente, non sono state coinvolte altre persone.

 

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

“Grazie Gualtiero”. Quando ci lascia un cittadino esemplare

Ieri si sono svolti i funerali di Gualtiero Fallarino, due giorni fa abbiamo pubblicato il ...