Città della Pieve. Lo chef televisivo Vissani ha guidato il sit-in di protesta dei ristoratori

Era stata annunciata da qualche giorno una manifestazione di ristoratori a Città della Pieve contro la persistente quarantena dovuta alla pandemia. Questa mattina a guidare alcuni ristoratori nella patria del Perugino c’era anche Gianfranco Vissani, noto ristoratore orvietano, famoso per essere stato tra i primi chef televisivi.

E’ stata scelta Città della Pieve, in quanto individuata come seconda residenza del presidente del consiglio Draghi. La manifestazione si è trasformata in un pacifico “sit in” davanti l’ex ospedale con alle spalle la cornice della Valdichiana. Sono stati naturalmente elencati i gravi disagi che ha vissuto e sta vivendo la categoria in questi mesi di chiusura e gli insufficienti rimborsi percepiti, come del resto tante altre categorie. E’ stata anche segnalata la limitatezza delle imminenti apertura già annunciate dal governo perché riguarderebbero, nella prima fase,   soltanto i locali che hanno spazi all’aperto.

Con l’occasione sono stati segnalati anche alcuni dei cibi e dei prodotti tipici della zona. Secondo quanto riporta la pagina facebook “Città della Pieve and Friends” erano presenti le aziende: Simone Ciccotti (Antica Trattoria San Lorenzo), Gianfranco Vissani ( Casa Vissani) Marco Caprai (Arnaldo Caprai Viticoltore in Montefalco), Giuliano Martinelli (Giuliano Tartufi), Francesco Gradassi (Marfuga), Petronilla Angelucci (Azienda Agricola Angelucci Leonardo Petronilla Roberta ), Eraldo Dentici (Eraldo Dentici Rialto ), Lina Angelucci (Ristorante Il Balestruccio), Alberto Massarini (Ristorante Il Pentagramma)

La foto di copertina è tratta da un  video della pagina facebook “Città della Pieve Viva”

Riguardo a redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

“Vicciuta” all’ultimo km. Un progetto da non interrompere. Anche alla Pieve si fanno i primi assaggi

Una mattina di una fresca domenica di maggio, alle prime uscite dopo la seconda ondata ...