Home Rubriche Gonnellini-Zappaterreno, bella sfida a centrocampo..! Ma è Cacciamano il re del derby…!!Ecco...

Gonnellini-Zappaterreno, bella sfida a centrocampo..! Ma è Cacciamano il re del derby…!!
Ecco le pagelle di Moiano-Pievese..

Condividi

La partita Moiano-Pievese non era soltanto un derby, ma molto di più. Era la sfida tra la prima e la seconda della classe, era la gara degli ex, era lo scontro tra due società che l’anno scorso sembravano doverne diventare una, era il match dei pievesi che giocano nel Moiano, era l’evento che tutti aspettavano da una settimana…
Il clima, in campo e sugli spalti (gremiti) non ha di certo deluso le aspettative. Forse, a deludere un pò, è stata proprio la partita.
Condizionate dal vento e da un terreno in non perfette condizioni, le due compagini hanno preferito sempre i lanci lunghi al fraseggio, rendendo la partita tutt’altro che spettacolare.
Qualche recriminazione da entrambe le parti (il primo rigore concesso alla Pievese è generoso ma l’espulsione di Marchetti è senza dubbio esagerata), ma nel complesso la vittoria degli ospiti rispecchia i valori espressi in campo.
La squadra di Fabrizi è sembrata fin da subito padrona della partita, più unita e con maggiore qualità, nonostante la campagna acquisti di altissimo livello condotta quest’estate dal team allenato da Macchiaiolo.
Ecco le pagelle dei giocatori scesi in campo.

PIEVESE

1. DELLA CIANA: 6,5
Attento e concentrato, si mostra sicuro sulle uscite e pronto quando Ponticelli e Brusco inquadrano lo specchio. Nulla può sul goal di Ragnetti.

2. CHIAPPINI: 6,5
Una sola indecisione in una partita giocata con determinazione e concentrazione.

3. BAGLIONI: 6,5
Anche per l’altro esterno difensivo la prova è più che positiva. Annulla Valletti nel primo tempo e Celi nel secondo senza troppe difficoltà.

4. MONTAGNOLO: 6
Qualche errore lo commette, ma gioca con molto impegno e tanta volontà un derby generoso e di sacrificio.

5. CANUTI: 6,5
Fino al momento in cui è costretto ad uscire, il Moiano non supera mai la metà campo. Di testa è impressionante, non lascia a Ponticelli nemmeno un pallone. (GUIDANTONI: 6, chiamato al difficile compito di sostituire Canuti, entra in campo con la giusta attenzione e grinta.)

6. NATALI TANCI: 7
Luca “the wall non concede niente: impressionante in fase difensiva e determinante in fase offensiva soprattutto quando, con mestiere, conquista il primo rigore.

7. MARCHETTI T.: 6
Una prestazione generosa fino al momento in cui, troppo fiscalmente, l’arbitro lo espelle lasciando la Pievese in 10 uomini.

8. ZAPPATERRENO: 7
Vicino al goal nel primo tempo, si sta dimostrando ogni domenica più importante. Questa Pievese non può prescindere dal suo temperamento e dal suo carattere in mezzo al campo.

9. CRESCENZO: 6
Prova sufficiente per l’attaccante cresciuto a Città della Pieve. Lotta con coraggio e convinzione ma, quando ha avuto sui piedi la palla buona, doveva chiudere il match.

10. CACCIAMANO: 8
Soffre la marcatura a uomo di Pepponi ma quando c’è da decidere la partita, Cacciamano non perdona. Freddo sul primo rigore, freddissimo sul secondo (che lui stesso si procura con una magia in mezzo a tre avversari). Dodici goal in 8 partite la dicono lunga sui meriti del primo posto della Pievese in questo campionato.

11. MORETTI: 6,5
Alterna qualche momento di pausa a giocate di alta qualità. Il giovane pievese classe ’94 ha dimostrato sicuramente di avere tutte le carte in regola per giocare un campionato da vero protagonista.

MISTER FABRIZI: 7
Con una panchina così corta, di sicuro non aveva dubbi di formazione. Nonostante la partita non brillantissima, arriva l’ottava vittoria consecutiva ed il primato della squadra si consolida (+8 sulla seconda).

MOIANO

1. SGARAGLI: 5
Macchia una prestazione ordinata procurando il secondo rigore (che chiude il match) e facendosi espellere per proteste a partita terminata.

2. RAGNETTI: 6,5
Parte in sordina poi cresce, fino a trovare anche la bella rete che riapre la partita a 5 minuti dal termine.

3. PEPPONI: 6,5
Il mister lo schiera in marcatura su Cacciamano e lui lo contiene bene, concedendogli pochissimi spazi.

4. GIOVAGNOLA: 6
Gioca una gara attenta e generosa, senza soffrire troppo l’attacco della Pievese.

5. CAPOCCIA: 5
Spostato a destra, soffre molto la velocità degli avversari. Impreciso e spesso frettoloso in fase di impostazione. (CASTELLANI: 6)

6. GONNELLINI: 7
Leader dei padroni di casa, corre per 90 minuti recuperando molti palloni e servendo i compagni con precisione. Si distingue per alcune giocate che da sole valgono il prezzo del biglietto.

7.VALLETTI: 5
Resta sempre ai margini della partita, ben contenuto dai terzini avversari.

8. LUCULLI: 5
Qualche colpo di testa e poco più: giusta la scelta di schierarlo a centrocampo in una partita così delicata? (MELONI: 6)

9. PONTICELLI: 6
Si batte da solo contro i due centrali (e che centrali..!!) bianco-celesti per tutta la gara. Tuttavia non si astiene dalla lotta e prova anche la conclusione.

10. BRUSCO: 5,5
Arginato bene dagli ospiti (sia con le buone che con le cattive) e mal servito dai compagni di squadra, il numero 10 dei locali resta spesso in ombra: suo però l’unico tiro insidioso del Moiano, ben parato da Della Ciana.

11. CELI: 5,5
Prima esterno di centrocampo, poi terzino: in entrambi i ruoli il giovane giocatore dalle belle speranze non brilla e resta sempre ai margini del gioco.

MISTER MACCHIAIOLO: 5
La classifica sorride (comunque 4° posto) ma la squadra non convince. Troppo fuori dal gioco i giocatori chiave, troppe palle sprecate e buttate al vento; il primo tempo i suoi non superano la metà campo, nel secondo si affidano soltanto a qualche spizzata di Ponticelli o Meloni. Troppo poco per una squadra che ha i giocatori per ambire all’alta classifica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here