Home Rubriche Città della Pieve . Una martora in dono al Museo di Storia...

Città della Pieve . Una martora in dono al Museo di Storia Naturale

Condividi

Città della Pieve. Una martora in dono al Museo di Storia naturale  e del Territorio di Città della Pieve

Il Museo di Storia Naturale e del Territorio di Città della Pieve si arricchirà, a breve, di un esemplare di martora; a donare l’animale, naturalmente imbalsamato, è il Prof. Alfredo Costa. Per la donazione il Gruppo ecologista “Il Riccio”, l’A.S.A.V. (Associazione Scientifica “Antonio Verri) e l’Amministrazione Comunale di Città della Pieve organizzano, per sabato 16 gennaio alle ore 17,00 nella prestigiosa Sala Grande di Palazzo Corgna, un interessante evento. La presentazione e l’introduzione è naturalmente affidata al donatore; ad intervenire poi la biologa, Francesca Vercillo, che esporrà le caratteristiche della martora e la sua diffusione nella zona; la veterinaria, Stefania Ricci, che avrà il compito di illustrare l’iter burocratico per l’autorizzazione alla tassidermia (tecnica di preparazione e conservazione dei corpi degli animali); il tassidermista, Igor Pivotti che parlerà di modalità e tecniche per la conservazione e la tassidermia dell’animale.

Il Museo, di proprietà comunale, con sede a Palazzo della Corgna, è stato inaugurato nel 2009 ed espone parte dei materiali contenuti in due collezioni private ottocentesche, quella di Antonio Verri, cittadino pievese che si dedicò continuativamente con passione alle Scienze Naturali, e quella di Paolo De Simone, anch’egli appassionato naturalista trasferitosi a Città della Pieve nel 1886 con la Marchesa Vittoria Spinola – figlia di Vittorio Emanuele II e della “Bella Rosina” – con la quale condivise scelte e attività in ambito produttivo e agroalimentare. Il museo contiene inoltre donazioni aggiunte successivamente quali frammenti fossili rinvenuti nella Penisola Arabica, una piccola raccolta di strumenti scientifici utilizzati nel Gabinetto di Fisica delle dismesse Scuole Tecniche pareggiate locali, due preziosi erbari realizzati dopo un’attenta e paziente attività di ricerca e raccolta effettuata dal Gruppo Giovani Ecologisti “Il Riccio” di Città della Pieve.

L’apertura di questo importante museo è possibile grazie al volontariato coordinato dal Gruppo ecologista “Il Riccio” che si fa aiutare da soci e non, compresi studenti del Presidio del volontariato “Insieme si può” dell’Istituto di Istruzione Superiore “Italo Calvino”.

La visita è possibile, ad ingresso libero, sabato e domenica dalle ore 10,30 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 19,00.

Legate al museo anche alcune proposte culturali dalla ideazione e organizzazione di percorsi didattici presso il museo e/o in luoghi e ambienti di interesse naturalistico, alle attività didattiche laboratoriali rivolte agli studenti di ogni ordine e grado, presso il museo o a scuola, alle visite guidate in siti di interesse storico naturalistico, ambientale e scientifico del territorio pievese e delle aree limitrofe, alla organizzazione di attività culturali e consulenze scientifiche per gruppi organizzati, comunità, associazioni e Enti pubblici e privati anche grazie al contributo dell’A.S.A.V.

Donazione MARTORA Volantino

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here