Home Rubriche VIA TRAVERSA VIA FRANCIGENA – VIA ROMEA GERMANICA

VIA TRAVERSA VIA FRANCIGENA – VIA ROMEA GERMANICA

Condividi

Nel mese di ottobre 2014 è stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa, tra le Amministrazioni comunali di Città della pieve, San Casciano dei Bagni e Radicofani con il quale si è sancito l’impegno di intraprendere un comune cammino per la valorizzazione e lo sviluppo turistico dell’area interessata , al fine di accedere ad eventuali fonti di finanziamenti della programmazione europea, nazionale, regionale. Dopo vari incontri preparatori il  3 gennaio scorso si è tenuto, presso la Biblioteca di Città della Pieve , un incontro per definire la forma organizzativa,  la divisione dei ruoli  e il progetto operativo che prevede la riscoperta, la promozione e la valorizzazione dell’antico percorso di collegamento tra la  Via Francigena e la Via Romea Germanica, nei territori di  Città della Pieve , San Casciano dei Bagni e Radicofani. All’incontro hanno partecipato: l’europarlamentare On.le Silvia Costa, i soggetti promotori: l’Assessore alla Cultura Carmine Pugliese e il Consigliere Lucia Testa di Città della Pieve, il Sindaco Morelli e il Vice Sindaco Carletti Agnese di S. Casciano dei Bagni, il Vice Sindaco Magrini di Radicofoani, la Presidente dell’Ass. Firsthermae di Pozzuoli Prof.Maria Costantino, il Presidente e Resp. Scientifico della Soc. STAC D.ssa Saccenti, l’Arch. Angeloni e la D.ssa Anemona, il Governatore della Misericordia di Città della Pieve Sberna Fabio e la D.ssa Casini di San Quirico d’Orcia. E’ stato  costruito l’itinerario di pellegrinaggio a partire dalla Porta Fiorentina in Castel della Pieve alla Chiesa della Madonna delle Vigne in Radicofani e sono stati individuati alcuni interventi:
– Interventi di studio, analisi e ricerca delle fonti storiche e archivistiche, che permettano l’individuazione della viabilità di epoca romana e altomedioevale;
– Interventi di recupero e restauro conservativo sui beni con appositi accorgimenti tecnici e materiali innovativi di conservazione al fine di non peggiorare il loro stato di degrado;
– Installazione di cartellonistica.
Tutto ciò attiverà una ricaduta economica dovuta all’incremento del turismo cosiddetto “sostenibile”, rappresentato dal turista / pellegrino, che va alla ricerca di nuove emozioni percorrendo sentieri sconosciuti grazie a mezzi di comunicazione non convenzionali come la bicicletta, il cavallo e naturalmente a piedi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here