Patrimonio immateriale e sviluppo locale – “TrasiMemo” incubatore di progetti.

(Comunicato stampa)

Sarà presentato venerdì 22 ottobre alle ore 17 e 30 presso il Teatro comunale di Paciano il video “Patrimoni, musei e paesaggi del Trasimeno per un welfare di comunità”.

Si tratta dell’esito del progetto dedicato alla salute mentale, che ha avuto il suo perno presso TrasiMemo – Banca della memoria del Trasimeno, realizzato da una corale collaborazione territoriale: artigiani, antropologi, medici e pazienti del Centro di Salute Mentale (Usl Umbria 1), Unione dei Comuni del Trasimeno e musei locali, cooperativa Frontiera Lavoro, associazioni locali, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Il progetto, che ha alle spalle una sperimentazione pluriennale, è stato seguito scientificamente dalla Scuola di Specializzazione in beni demoetnoantropologici dell’Università degli Studi di Perugia (in convenzione con le università della Basilicata, Firenze, Siena e Torino). Nell’ultimo periodo ha anche suscitato l’interesse dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale del Ministero della Cultura per la capacità di coniugare i patrimoni culturali immateriali quali opportunità per lo sviluppo locale.

“Dentro TrasiMemo si conservano pochi oggetti, alcuni know-how, numerosi interrogativi e molte speranze”, sono le parole di Daniele Parbuono, Direttore della scuola di Specializzazione in beni demoetnoantropologici dell’ateneo perugino. “In sette anni – sottolinea il sindaco Riccardo Bardelli – TrasiMemo è cresciuto molto, ha ottenuto numerosi apprezzamenti ed è stata incubatore di eventi ed attività che hanno arricchito Paciano ed il Trasimeno”.

Oggi la Banca della memoria del Trasimeno è uno strumento che propone di “sviluppare iniziative di stabilizzazione del progetto dedicato alla salute mentale con un centro diurno integrato e di sviluppo locale con la realizzazione di Atelier imprenditoriali e di cooperazione diffusi nel centro storico”, riferiscono gli organizzatori.

E saranno proprio questi i temi che verranno trattati il 22 ottobre dalla Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei e dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia Maurizio Oliviero, insieme al Sindaco Bardelli, all’Assessore dell’Unione dei Comuni Giacomo Chiodini (delegato per l’occasione dal Presidente Cherubini), Stefania Spina, della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e al Direttore dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale Ministero della Cultura Leandro Ventura.

Coordinati dal giornalista Andrea Chioini, interverranno: Daniele Parbuono, Direttore della Scuola di Specializzazione in beni demoetnoantropologici, Delegato al “coordinamento staff e relazioni del Rettore” dell’Università degli Studi di Perugia, Gianfranco Salierno Direttore del Centro di Salute Mentale del Trasimeno e del Centro di Salute mentale penitenziaria di Capanne, USL Umbria 1, Roberta Veltrini Presidente della cooperativa Frontiera Lavoro e Cinzia Marchesini dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale. Saranno presenti anche le artigiane e alcuni pazienti che hanno partecipato al progetto dedicato alla salute mentale.

Per l’accesso al Teatro comunale sarà obbligatorio il green pass.

 

 

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Città della Pieve. Comune “Un albero per ogni nato e minore adottato”

L’Amministrazione Comunale di Città della Pieve, in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi che ricorre ...