Home Rubriche Cose scritte tra noi. Bianconi. “La Valigia”

Cose scritte tra noi. Bianconi. “La Valigia”

Condividi

La grossa valigia di cartone in mano, vestito di abito intero grigio chiaro, cravatta celeste e camicia bianca, saliva a fatica lungo l’ampio vigneto, nonostante la giovane età.

Era ottobre, i braccianti coglievano l’uva ed erano alquanto allegri, anche per la bella mattina che il sole scaldava. Alcuni cantavano.

” Dove andate con quella valigia?”, gli domandò uno .

“ Vado a vendere i lenzuoli”.

“ Ah, ne avete di salita da fare!”.

“Arrivederci e buon lavoro!” disse il giovanotto all’uomo, che non rispose e prese a cantare.

Passato il limite della vigna, il venditore trovò uno spiazzo erboso, vi distese un fazzoletto e sedette, a rifiatare. Aveva caldo e il suo lavoro doveva ancora cominciare. I braccianti erano lontani ed appena visibili. Di fronte c’era una collina, in cima una pieve ed una croce. A sinistra, nel piano, i pioppi, in lunga curva, celavano il fiume, che spuntava solo con qualche bagliore, qua e là. Aprì la capiente valigia, in cui aveva sistemato quattro bacchette di legno, messe in orizzontale, a mo’ di scala…

Un’ora dopo, il giovanotto, scendendo per la china, ripassò accanto ai vendemmiatori.

” Mi sa che non avete venduto niente, questa valigia vi pesa, a quel che vedo!” , disse il curioso di prima.

“ Niente, giornata storta!Buon lavoro, arrivederci!” rispose il giovane.

Il bracciante non salutò, ma non si mise a cantare e osservò quella figura in completo grigio, che pendeva da una parte per via del peso che portava. Disse:” Bah!”, scuotendo la testa.

In cucina il giovanotto aprì la valigia e con cura traslocò i grappoli d’uva dalle bacchette cui erano appesi ad un robusto spago steso in alto e agganciato a due pareti. Per una settimana alla famiglia la frutta fu assicurata.

Massimo Bianconi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here