Home Rubriche Chiusi, nuovo collegamento fra stazione e città

Chiusi, nuovo collegamento fra stazione e città

Condividi

Il centro storico di Chiusi Città sarà raggiungibile, per tutti coloro che arrivano dalla Regione Umbria o anche dalla stazione di Chiusi, da un nuovo collegamento alternativo che partirà da Santa Caterina.

Obiettivo dell’opera, per la quale la giunta ha appena approvato il progetto definitivo con un quadro economico di 400 mila euro, è decongestionare il traffico viario attualmente concentrato sulla strada Provinciale 146 di Chianciano (via Cassa Aurelia). L’intero progetto si comporrà di tre diversi stadi di sviluppo che partiranno, appunto, da una nuova viabilità dalla zona di Santa Caterina – Poggio Gallina.

In un secondo momento la nuova strada si collegherà nuovamente a Via Cassa Aurelia in un tratto nelle immediate vicinanze delle così definite “curve dell’esse”. Infine, nell’ultimo stadio di lavori, sarà realizzata anche una rotatoria al fine di dare la possibilità di proseguire per l’attuale via di collegamento con il centro storico oppure di scegliere il nuovo tratto.

“Siamo soddisfatti di aver redatto il progetto definitivo per questa opera – dichiara il primo cittadino di Chiusi Juri Bettollini e l’assessore Gianluca Sonnini – perché la nostra città ha bisogno di snellire il traffico in entrata e in uscita dal nostro centro storico attualmente troppo congestionato. Questo progetto rappresenta inoltre un segno di continuità con il lavoro fatto negli anni passati e che, pensando ai marciapiedi o ai percorsi alternativi come quello delle scalette Zilath, ha portato ad unire, sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista ideologico, il centro storico con l’agglomerato urbano della stazione. L’approvazione di questo progetto e la copertura finanziaria individuata è la conferma che la nostra città è pronta a cambiare in meglio e a diventare ancora più grande sotto il segno della qualità della vita, della bellezza e dell’accoglienza.

Strumento fondamentale di questo cambiamento sarà il Piano Operativo che siamo riusciti a dare alla città dopo ben 41 anni di attesa. Possiamo dire che la nostra esperienza amministrativa sia arrivata al giro di boa e che gli impegni pubblici presi sono stati mantenuti come ad esempio l’approvazione definitiva del palazzetto dello sport che vedrà l’avvio dei lavori nei prossimi mesi o anche come i lavori di demolizione dell’ex centro carni che troveranno l’inizio nelle prossime settimane.

Oltre a tutto questo continueremo a lavorare, e progetti di questo tipo lo possono confermare, per dare a chi verrà dopo di noi la possibilità di far partire, per Chiusi, una stagione completamente nuova e che segnerà la storia della città.”

Al fine di effettuare i lavori nel miglior modo possibile nonché di preservare eventuali testimonianze storiche sono stati effettuati dei rilievi nel sottosuolo da parte della Soprintendenza Archeologica di Firenze che ha rilasciato il proprio benestare. Nell’area che interesserà la nuova viabilità sono previste anche opere di sotto servizi quali rete fognaria e idrica che saranno predisposte anche per un aumento di utenze rispetto a quelle attuali; sarà inoltre realizzato un sistema di regimazione delle acque meteoriche e installato un sistema di illuminazione pubblica a led a basso consumo.

dalla newsletter del Comune di Chiusi 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here