Home Rubriche Chiusi. Bonus scuola alle famiglie della città

Chiusi. Bonus scuola alle famiglie della città

Condividi

Aiutare le famiglie della Città di Chiusi a sostenere tutto ciò che rientra nella spesa scolastica come ad esempio l’acquisto dei libri di scuola ma anche altro materiale scolastico nonché servizi inerenti alla scuola come il trasporto e la mensa. È’ questo lo scopo dell’amministrazione comunale di Chiusi che nell’ambito di un progetto votato dal consiglio regionale della Toscana, avrà la possibilità di applicare una misura specifica rivolta a tutte quelle famiglie con bambini o ragazzi iscritti alla scuola dell’obbligo primaria o secondaria di primo o secondo grado.

Nello specifico il “bonus scuola” sarà applicato ai nuclei famigliari con reddito ISEE non superiore a 15 mila euro e l’entità del contributo cambierà al variare sia dell’ordine e grado della scuola sia in base all’anno di corso. In base, quindi, alle risorse disponibili e al fabbisogno del territorio le famiglie della Città di Chiusi interessate riceveranno un contributo che andrà da un minimo di 84 euro ad un massimo di 280 euro. Per ricevere il contributo è necessario presentare una regolare domanda (reperibile presso l’ufficio protocollo/urp del Comune o sul sito www.comune.chiusi.si.itsezione altri bandi) entro e non oltre le ore 13.00 di lunedì 30 novembre. In alternativa è possibile anche inviare la documentazione necessaria tramite raccomandata o via PEC (Posta Elettronica Certificata) all’indirizzo protocollo.chiusi@legalmail.it

“I ragazzi hanno il diritto di studiare e di conoscere il mondo -dichiara il primo cittadino di Chiusi Juri Bettollini- ed il compito di un’amministrazione non può che essere quello di garantire a tutti la possibilità che questo accada. Dai banchi di scuola si inizia il percorso per diventare adulti, quindi, garantire lo studio diventa importante perchè un giorno, non lontano, questi uomini e donne saranno chiamati a prendere decisioni importanti per la nostra società. Investire nello studio significa, quindi, investire nel futuro che può essere migliore solo se saremo in grado di fornire e offrire tutti gli strumenti necessari al fine di far crescere al meglio i nostri ragazzi. Per tutto questo come amministrazione non possiamo che essere soddisfatti del bonus scuola che abbiamo approvato e siamo certi che rappresenterà un bell’aiuto alle famiglie che ne avranno diritto. Colgo l’occasione inoltre per augurare un buon anno di studio a tutti i ragazzi della Città di Chiusi a cui dico siate sempre curiosi, ottimisti e pronti ad aiutare chi rimane indietro perché il mondo sarà presto nelle vostre mani.”

Oltre a tutto questo, nell’ambito di un progetto regionale mirato a sostenere anche la frequenza delle scuole dell’infanzia paritarie private (3-6 anni) convenzionate con il Comune della Città di Chiusi, tutte le famiglie che abbiano iscritto il proprio figlio a tale istituto scolastico (nello specifico Maestre Pie Venerine) potranno ricevere un contributo a copertura della retta scolastica. In questo caso l’aiuto sarà applicato ai nuclei famigliari con reddito ISEE non superiore a 30 mila euro e l’entità del contributo cambierà al variare proprio del reddito familiare da un minimo di 30 euro al mese ad un massimo di 100 euro mensili. Il beneficio sarà riconosciuto attraverso una riduzione diretta del costo sostenuto dai nuclei famigliari per le rette scolastiche

Al fine di rientrare nel bando e nei benefici del Bonus Scuola, dovrà essere spedita la documentazione necessaria entro e non oltre venerdì 13 novembre. La modulistica è scaricabile dal sitowww.comune.chiusi.si.it sezione “Altri bandi” o ritirabile presso l’ufficio URP/Protocollo nell’orario di apertura al pubblico (9:00 – 13:00).

dalla newsletter del Comune di Chiusi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here