Home Rubriche Albo Pretorio: la IUC ( Imposta Unica Comunale )

Albo Pretorio: la IUC ( Imposta Unica Comunale )

Condividi

Quello che segue è il testo della lettera recapitata dal Comune ai Pievesi per illustrare le imposte comunali del 2014
Cari Pievesi,
questa nuova Amministrazione, a breve distanza dalle elezioni, ha dovuto da subito confrontarsi con l’approvazione del bilancio di previsione 2014. Un bilancio all’interno del quale è stato necessario lavorare ad una sempre crescente riduzione della spesa pubblica comunale e prendere atto dell’ azzeramento dei trasferimenti statali, operazione in linea con quello che ormai viene definito “federalismo fiscale”.
Nel Bilancio approvato si è cercato di mantenere alto il livello dei servizi offerti, sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo, garantendo, nonostante i tagli, il finanziamento di tutti i servizi comunali come i contributi alla scuola, la cultura, lo sport, le utenze, le manutenzioni, il costo della macchina comunale..
Lo stato negli ultimi anni ha introdotto nuove forme di tassazione, dall’IMU, che inizialmente sostituiva la vecchia ICI, alla TARES in sostituzione della vecchia TARSU, fino al arrivare nel 2014 alla IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE). Nella revisione delle imposte all’amministrazione comunale viene solo richiesto di prendere atto di quanto stabilito dalla legge di stabilità 2014 ed adottare tali scelte nel territorio di competenza.
Con questa comunicazione l’amministrazione comunale vuole informare, nel principio della massima collaborazione e trasparenza, tutti i cittadini sulle novità finanziarie e tributarie per il 2014 al fine di rendere più comprensibili e agevoli le prossime scadenze delle Imposte Comunali.
Il volantino allegato è quindi un semplice strumento descrittivo del sistema impositivo attualmente in vigore. Per ulteriori chiarimenti si rammenta che è sempre possibile contattare gli uffici comunali e/o visitare il sito dell’Amministrazione Comunale.

L’ASSESSORE AL BILANCIO IL SINDACO

 

 La IUC si articola in due componenti:
– la componente patrimoniale, costituita dalla IMU (Imposta municipale propria);
-la componente servizi, suddivisa in TASI (Tributo per i servizi indivisibili) e TARI (Tassa sui Rifiuti).

AUTOLIQUIDAZIONE significa che il pagamento deve essere effettuato con modello F24 e compilato a cura dei singoli cittadini.

 

IMU:
Le scadenze per il pagamento dell’IMU sono stabilite a livello nazionale dal Decreto Legislativo n. 23/2011 e sono fissate per il 16 Giugno e 16 Dicembre di ogni anno.
TASI:
Il versamento della TASI è in autoliquidazione, quindi il Comune non invierà alcun avviso per il pagamento del tributo ma sarà lo stesso contribuente che dovrà provvedere al calcolo del dovuto. Il presupposto impositivo è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati, comprese le abitazioni principali e aree fabbricabili. Sono esclusi i terreni agricoli.
Nel caso in cui l’unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal proprietario, l’occupante è tenuto a versare la TASI nella misura del 25% del dovuto e il proprietario nella misura del 75%.
Le scadenze sono stabilite nel 16 ottobre e 16 dicembre 2014.

Base imponibile: la base imponibile è la stessa prevista per l’applicazione dell’IMU. È necessario quindi conoscere la rendita catastale dei propri fabbricati o i valori delle proprie Aree Fabbricabili al fine del calcolo del dovuto.
Riduzioni e Agevolazioni TASI:è prevista una riduzione per le abitazioni principali di 30,00 €uro per figlio con età inferiore a 26 anni per gli ISEE inferiori a 15.000,00 Euro.
RIEPILOGO ALIQUOTE, CODICI TRIBUTI F24

Imposta Municipale propria I.M.U. Tributo Servizi Indivisibili T.A.S.I.
Tipologia immobile Aliquota Codice F24 Comune Codice F24 Stato Aliquota Codice F24
Abitazione principale e pertinenze ESCLUSE 1,70 ‰ 3958
Abitazione principale (A/1-A/8-A/9) 4,30 ‰ 3912 1,70 ‰ 3958
Aree fabbricabili 8,50 ‰ 3916 1,70 ‰ 3960
Altri fabbricati 8,50 ‰ 3918 1,70 ‰ 3961
Immobili uso produttivo gruppo D 8,50 ‰ 3930 3925 1,70 ‰ 3961
Fabbricati rurali strumentali ESENTI 1,00 ‰ 3959

CALCOLA DIRETTAMENTE DAL SITO INTERNET DEL COMUNE LA TUA IMU E TASI.
TARI:la TARI prende il posto della TARES, viene comunque calcolata sui metri quadrati occupati e sul numero delle persone che compongono il nucleo familiare dell’occupante. E’ inviata direttamente dal Comune.
Agevolazioni e riduzioni:

  • Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale: riduzione 20%
  • Abitazione tenuta a disposizione da soggetto residente all’estero: riduzione 20%
  • Abitazione occupata esclusivamente da un pensionato con ISEE inferiore a 10.000 €: rid. 33%
  • Abitazione occupata da due pensionati con ISEE inferiore a 15.000 €: riduzione 15%
  • Riduzioni per numero di svuotamenti indifferenziati effettuati nel corso dell’anno;
  • Abitazioni di residenza acquistate nel corso del 2014 all’interno del Centro Storico: riduzione 20%
  • Riduzioni per attività che producono contestualmente rifiuti speciali ed urbani;
  • Riduzioni per attività commerciali e artigianali all’interno del centro storico;
  • Riduzioni per attività non stabilmente attive o ad uso stagionale: riduzione 30%
  • Aziende che assumono a tempo indeterminato disabili o iscritte alle liste della Legge n. 68/99 riduzione del 30% per cinque anni.

Per aver diritto alle agevolazioni e riduzioni il cittadino deve averne fatta apposita richiesta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here