Trasimeno – Traslocate le tartarughe del Centro Ittiogenico

Notizie dalla Provincia

Per le oltre 2.500 testuggini inaugurato il nuovo impianto in terra

 San Feliciano. Una vasca tutta nuova per le oltre 2.500 tartarughe acquatiche attualmente ospitate al Centro ittiogenico del Trasimeno. Si sono concluse, nei giorni scorsi, da pare degli operatori del Centro le operazioni di trasferimento delle testuggini dai vecchi invasi al nuovo impianto, reso possibile grazie all’Unione di Comuni Montana Colline Metallifere di Massa Marittima che ha stanziato 8 mila euro. Per custodire al meglio questi simpatici rettili, la nuova vasca è dotata di piattaforme in legno per permettere agli animali di scaldarsi al sole. “Negli anni – ci ha spiegato il responsabile del Centro di proprietà della Provincia di Perugia, l’ittiologo Mauro Natali – il numero di questi esemplari è cresciuto poiché la detenzione di giovani tartarughe acquatiche di varie specie come animali da compagnia è pratica comune, ma spesso non ci si rende conto della taglia che raggiungono in pochi anni, se allevati correttamente e dei problemi che ne possono derivare. Diventa, quindi, frequente il loro abbandono una volta cresciuti e divenuti ingombranti, in laghi e fiumi del nostro territorio, ma trattandosi di specie esotiche questo può essere causa di danni ambientali.

Nel caso di Trachemys scripta elegans, conosciuta anche come “tartaruga dalle orecchie rosse”, ci troviamo anche di fronte a una specie protetta, di cui non è più consentito il libero commercio. Da alcuni anni è in atto una proficua collaborazione fra la Provincia di Perugia e il Corpo Forestale dello Stato – Ufficio CITES, per la custodia, presso il Centro Ittiogenico del Trasimeno di S.Arcangelo, di tartarughe acquatiche appartenenti alle specie Trachemys scripta elegans, Trachemys scripta scripta, Graptemys kohni ed altre. “Questi animali – continua Natali – vengono mantenuti con ogni cura in una grande vasca all’aperto e nei mesi invernali, solo le più giovani o quelle malate, in apposite vasche all’interno di un ambiente riscaldato dove, grazie ad un impianto di filtraggio e riciclaggio dell’acqua e lampade a raggi infrarossi, trascorrono il periodo freddo. La presenza di queste tartarughe, che attirano molto la curiosità delle scolaresche in visita all’Impianto, consente di effettuare una utile opera di prevenzione contro l’abbandono di questi animali, che possono essere affidati al Centro da chi abbia intenzione di disfarsene”. Per quanto riguarda i costi l’ittiologo ha spiegato che essendo rettili, come tali hanno un metabolismo diverso da quello degli animali a sangue caldo e vengono alimentate, con lo stesso mangime usato per i pesci, solo tre volte alla settimana in estate e mai in inverno, poiché cadono in letargo”.

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Chiusi. M5S “Senza Bettollini come dominus nuovi spazi di confronto tra le forze politiche”

(riceviamo e pubblichiamo) Il motto che dice “tutti sono utili ma nessuno indispensabile” calza a ...