Chiusi. In arrivo nuove telecamere di sorveglianza nell’area industriale e artigianale.

(Comunicato stampa)

Il progetto di una Chiusi più sicura procede a pieno ritmo e dopo l’installazione di trentadue occhi elettronici nei punti strategici di ingresso della città (compresi parchi e giardini pubblici), recentemente il sindaco di Chiusi Juri Bettollini e la giunta comunale hanno incontrato gli imprenditori dell’area industriale e artigianale del PAIP a Chiusi Scalo per verificare insieme a loro altre possibili strategie e strumenti finalizzati a garantire il controllo del territorio e la sicurezza delle aziende e dei cittadini. A questo proposito il Comune della Città di Chiusi ha partecipato ad un bando regionale allo scopo di implementare il sistema di videosorveglianza su zone del territorio comunale oggi scoperte.
“La sicurezza non è né di destra né di sinistra – dichiara il sindaco di Chiusi Juri Bettollini – ma un diritto dei nostri cittadini ed è dovere dell’amministrazione lavorare per garantirla. Ringrazio gli imprenditori del paip che hanno organizzato, insieme a noi, un bel momento di confronto e di condivisone. Nel corso del mandato abbiamo investito molto nel concetto di  sicurezza e le telecamere finora installate hanno sicuramente permesso un monitoraggio più attento del territorio e degli spazi pubblici. Abbassare la guardia sarebbe un grande errore nonostante si possa considerare il nostro territorio sicuro e a misura di famiglia, stando a leggere i dati che ci sono pervenuti dalla Prefettura di Siena. Continueremo comunque a mantenere alta l’attenzione perché tutti i nostri concittadini possano sentirsi sicuri e tutelati.“
Le telecamere finora installate sono collegate in fibra ottica e in comunicazione con i centri operativi di controllo della Polizia Municipale, della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri.  Gli occhi elettronici sono attualmente operativi in alcuni punti strategici della città, come: Leon d’Oro, la Fontina a Chiusi Scalo, incrocio di via Cassia Aurelia II, Teatro comunale e Parco dei Forti, giardini pubblici Scalo, P.zza XXVI Giugno, Via Fondovalle, Casello Autostradale, bivio Quattro Poderi e magazzini comunali.

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Val d’Orcia. Centrale Montenero, no unanime della commissione regionale Ambiente

(comunicato stampa) Forze politiche compatte contro il progetto pilota di competenza ministeriale sulle pendici del ...