Pievese da urlo. “Tre punti per Serenella!”

Pievese: Gaeta 7 Giovannini 6.5 Morganti 6.5 Parretti 6.5 Fanfano 6.5 Papi 7 Saravalle N. 7 Montagnoli 7 Porcu 6,5 (89º Macaire sv) Dongarrà 7 (84º Canuti sv) Scargiali 6 (59º Fattorini 7.5)

All. Saravalle L. 7

Pietralunghese: Mischianti 6 Capannelli 5.5 Fumaria 5.5 Bagiacchi 5.5 (78º Nicoletti sv) Ferranti 5.5 Eramo 6  Gaggioli 6 Fabbri 6 Manuali 6 Bellucci 5.5 (75º Farias 5.5) Pedini 5.5 (78º Ceccarini sv)

All. Tassi 6

Arbitro: Roani Salari 5.5

Marcatori: Fattorini 69º

Ammoniti pievese: Parretti, Fanfano, Saravalle N.

Ammoniti Pietralunghese: Fumaria

 

Città della Pieve. Pievese-Pietralunghese regala emozioni forti ancora prima di iniziare.

Proprio oggi, infatti, ricorreva il sesto anniversario dalla scomparsa dell’indimenticata Presidente biancoceleste Serenella Baglioni al quale, da cinque anni, è dedicato anche lo stadio di Città della Pieve.

La società locale ha voluto ricordarla con un messaggio letto da capitan Canuti e con un mazzo di rose consegnato prima del via alla nipote.

Passando alla cronaca, la prima frazione parte a rilento, la squadra di Luca Saravalle sembra un po’ contratta e al 14º serve un Gaeta subito pronto per fermare la Pietralunghese.

A ridosso della mezz’ora, però, la Pievese alza i giri del motore.

Il dominio territoriale non produce molto, se non un colpo di testa di Parretti, ma lascia comunque il sentore di una Pievese decisa a raccogliere il bottino pieno.

L’apparenza non inganna, la ripresa è un crescendo albiceleste. Dopo una gran parata d Gaeta sul tiro da fuori di Gaggioli in campo si vede solo una squadra.

Tre occasioni a cavallo del quarto d’ora: è il quattordicesimo quando Nico Saravalle è stoppato a due passi dalla porta avversaria.

Passa un minuto e Montagnoli, dopo una bella azione personale mette di poco a lato dai 20 metri. Al diciassettesimo invece è il sinistro di Dongarrà, partito sul filo del fuorigioco, a finire sull’esterno della rete.

Al ventiquattresimo il Serenella Baglioni esplode. Azione da PlayStation: filtrante meraviglioso di Porcu, cross basso al volo di Dongarrà che trova la benedizione di Fattorini, subentrato decisivo e autore di una prestazione top.

Dopo il vantaggio l’albiceleste legittima la vittoria non rischiando mai dalle parti di Gaeta e andando, anzi, vicino al raddoppio a tredici dalla fine quando, il 2004 Papi, ruba palla al limite dell’area e scarica un potente diagonale che sfiora il palo opposto.

Al triplice fischio finale è festa grande: onorata alla grande la memoria di Serenella Baglioni, ottenuta la seconda vittoria di fila nelle due partite casalinghe e decollo nelle zone alte della classifica. Difficile chiedere di meglio.

Mattia Caciotto

Ufficio Stampa Usd Pievese

Riguardo a redazione

Controlla anche

Ficulle. Il Sindaco risponde al Circolo PD sul termovalorizzatore. "Politica dalla memoria corta con indiscutibili responsabilità che stride con la realtà ed il presente"

(Comunicato stampa) “Forse sbaglio ma la situazione dei rifiuti non nasce ieri come il Circolo ...