PD Ficulle: ” Il salto di qualità della Politica è occuparsi dei cittadini e dell’ambiente”.

(Comunicato stampa)

Ficulle è senz’altro un paese bellissimo, come è bellissimo il suo territorio e nessuno lo sa meglio di chi come noi ci vive da sempre e tutti giorni, ma se si continua a nascondere la polvere sotto al tappeto per far finta che i problemi non esistano, lo sarà ancora per poco.

Chi vuole veramente bene al proprio paese e al territorio che lo circonda si fa in quattro per tenerlo pulito.

Sono le foto a mostrare la realtà per quello che è, non si tratta di opinioni né tanto meno della cattiveria del circolo del PD.

E’ evidente la preoccupante emergenza ambientale che i cittadini continuano a segnalare da molto tempo, prima è doveroso ringraziarli e poi è doveroso mettersi a disposizione per dare risposte soprattutto serie e tempestive, non è possibile che debbano ripetere decine di volte le segnalazioni di rifiuti abbandonati perché qualcuno dal Comune, infastidito dall’incombenza, invii personale per la rimozione.

A noi non interessa la polemica in politichese arcaico di chi è l’ultimo a poter dare lezioni di Politica.

Tra un salto di qualità e l’altro trovasse anche il tempo per occuparsi di far aprire al più presto il Centro di Raccolta della Colonnetta che doveva essere attivo già dalla scorsa primavera 2020 come risulta evidente dalla risposta del Comune di Ficulle ad una interrogazione dell’opposizione e che è una delle principali soluzioni all’abbandono indiscriminato dei rifiuti.

Un anno di ritardo può anche bastare.

Il vero salto di qualità si fa fornendo ai cittadini servizi efficienti e di qualità, non fumo negli occhi.

Proprio perché il territorio è così bello ed è una risorsa importante per tutti, soprattutto per i bambini, adulti di domani, che va tutelato più di ogni altra cosa.

Comunque, il fatto che maggiormente stupisce nella risposta al nostro articolo è la mancanza di argomentazioni precise e attinenti al problema dei rifiuti sparsi sul territorio.

Cosa c’entra con i rifiuti abbandonati il Mab Unesco Monte Peglia?

Anzi proprio in ragione di questa appartenenza dovrebbe essere una priorità tenere il territorio privo di rifiuti, perché come sicuramente il Sindaco saprà le Riserve della Biosfera in base alle Linee Guida Nazionali, sono soggette a monitoraggio periodico e come si è entrati si può anche uscire.

Cosa c’entra l’Auri con i rifiuti abbandonati?

L’ammissione da parte del Sindaco della proroga di un anno dell’applicazione della tariffa puntuale sui rifiuti evidenzia una preoccupante ammissione di responsabilità sulla incompetenza e ignavia di questa amministrazione su un tema che invece dovrebbe essere ai primi posti per la cura e salvaguardia del nostro territorio.

 

Come abbiamo detto e ripetuto e che ripeteremo anche più avanti, le proroghe di atti amministrativi senza una loro strategia a monte, in questo caso di sensibilizzazione della cittadinanza, portano poco lontano, anzi non portano da nessuna parte.

Invece di perdere tempo a scrivere inutilità su fatti che niente hanno a che vedere con il problema dei rifiuti abbandonati, sarebbe stato tempo impiegato in maniera più proficua se il Sindaco avesse scritto ai cittadini per spiegare e insegnare comportamenti virtuosi in fatto di rifiuti e riciclo.

Invitarli a non lanciare i rifiuti dai finestrini delle auto.

A non portare nei boschi gli ingombranti e i rifiuti speciali.

Dall’articolo in risposta non emerge alcun accenno a quanto fatto per sensibilizzare la cittadinanza sul corretto smaltimento dei rifiuti, sull’educazione ambientale, sulle conseguenze dell’abbandono dei rifiuti, solo l’accusa di diffamazione proprio nei confronti di chi il territorio lo vive da vicino e non si bea dei panorami fotografati dall’alto e postati sui social.

Le uniche vie percorribili che possono liberarci dalla piaga dei rifiuti abbandonati sono l’informazione e la conoscenza.

Più le persone sono informate, più l’ambiente ne guadagna, e comunque è inutile continuare a negare le evidenze, le centinaia di foto di rifiuti sparsi nel territorio parlano chiaro e sono più eloquenti di qualunque risposta a vanvera o qualunque foto di panorama scattate dal tetto della Rocca.

Infine si rimanda al mittente la strumentalizzazione politica sui volenterosi ragazzi che si prodigano per la raccolta dei rifiuti abbandonati, tanto più che il sito di cui si occupano è sul territorio del Comune di Fabro, con l’invito al Sindaco a rileggere, per meglio comprenderle, le nostri frasi di elogio nei loro confronti e ad esimersi da tali meschinità.

Il proverbio dice che il corpo male usato, quel che fa gli vien pensato.

Il loro è sicuramente il fulgido esempio di come tutti noi dovremmo comportarci, ancor di più in questo “momento storico straordinario”.

Proprio perché viviamo questo momento di grandi incertezze occorre che ciascuno di noi faccia la propria parte e, se non è l’amministrazione comunale a sensibilizzare la cittadinanza sul tema della tutela ambientale della casa dove vive, chi lo deve fare?

Il Circolo PD è pronto a fare la sua parte e a dare il suo contributo e auspica che anche l’amministrazione comunale sia pronta in tal senso con fatti ed azioni tangibili a tutela del nostro meraviglioso territorio.

 

Circolo Comunale di Ficulle del Partito Democratico

 

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Città della Pieve. Giornata ecologica: “Ripuliamo la Città dai rifiuti abbandonati”.

(Comunicato stampa) Domenica 23 maggio si terrà la 1° Giornata Ecologica della stagione, nella quale ...