Home Sanità Panicale e Piegaro. Dopo la chiusura dell’ospedale pievese Peltristo e Caproni chiedono...

Panicale e Piegaro. Dopo la chiusura dell’ospedale pievese Peltristo e Caproni chiedono chiarimenti.

Condividi

Rassegna stampa. Dal Corriere dell’Umbria di Michele Marzoli (Titolo del Corriere Pievse)

Panicale. Tavernelle. Sul futuro del distretto sanitario di Tavemelle, il capogruppo di “Civicamente adesso Piegare”, Augusto Peltristo, e il capogruppo di “Uniti per Panicale”, Francesca Caproni, interrogano il direttore generale dell’Asl Umbria 1, Andrea Casciari, e il direttore del Distretto del Trasimeno, Simonetta Simonetti.

Oggetto della richiesta, avanzata dai due esponenti di minoranza di Panicale e Piegaro, una relazione sul centro di salute di Tavemelle, visto il progetto di riqualificazione dell’assistenza sanitaria dell’ambito distrettuale del Trasimeno.

“Alla luce della chiusura dell’ospedale di Città della Pieve – si legge – torniamo a chiedere una relazione sullo stato dell’arte di questa riorganizzazione e sugli sviluppi futuri dei centri di salute. Come cittadini auspichiamo di essere coinvolti, con incontri pubblici, in queste deci sioni che andranno a ridefinire l’ambito distrettuale del Trasimeno e a influenzare pesantemente l’assistenza socio -sanitaria del nostro territorio”. Peltristo e Caproni tornano dunque sull’argomento dopo che già nell’aprile 2016 avevano denunciato “ il degrado strutturale e non solo del centro di salute di Tavemelle le cui attività erano sempre più contratte e quasi mai garantite”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here