Home Rubriche Eccidio di Montebuono. Conferita la Medaglia al Merito civile a don Antonio...

Eccidio di Montebuono. Conferita la Medaglia al Merito civile a don Antonio Fedeli

Condividi

Consegnata dal prefetto di Perugia Armando Gradone agli eredi del parroco, i nipoti Gabriella e Mario Fedeli
In occasione nel 79° anniversario della strage nazifascista di Montebuono avvenuta nel giugno del 1944 a Montebuono, Agello di Magione, è stato reso omaggio al Monumento ai caduti con la deposizione della corona di alloro e consegnata dal prefetto di Perugia Armando Gradone, alla presenza dei rappresentanti delle Istituzioni civili, religiose e militari, la medaglia d’argento al Merito civile agli eredi del parroco don Antonio Fedeli, i nipoti Gabriella e Mario Fedeli. Presenti l’Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Ivan Maffeis, il sindaco Giacomo Chiodini, Massimo Alunni Proietti in qualità di rappresentante dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia (Anpi).
La Filarmonica di Agello ha accompagnato la cerimonia con alcuni brani musicali. Con il labaro era presente l’associazione bersaglieri sezione “Quinto Chiodini”.
È stato il primo cittadino a ricordare il tragico fatto. Per rappresaglia di un assalto contro alcuni carri armati tedeschi da parte di contadini del posto stanchi delle continue razzie dei nazi-fascisti, il pomeriggio dell’8 giugno 1944, festa del Corpus Domini di 79 anni fa, undici abitanti del posto vennero uccisi e i corpi portati via dai tedeschi. Solo l’intervento del parroco don Antonio Fedeli, che si offrì come ostaggio, riuscì ad evitare indiscriminate e sanguinose rappresaglie nei paesi circonvicini e riuscì, dopo insulti e maltrattamenti, ad ottenere la restituzione delle vittime (dieci di Agello ed uno di San Savino) per dar loro cristiana sepoltura.
Ribadita dal Prefetto e da Monsignor  Maffeis l’importanza di non dimenticare di chi ha lottato per la libertà e la democrazia del nostro Paese».
Dopo il commento storico all’evento fatto dall’assessore alla cultura Vanni Ruggeri i parenti di don Antonio hanno ricordato alcuni dei momenti di vita del parroco. Don Fedeli guidò la comunità parrocchiale di Agello dal 1939 al 1956 e l’Amministrazione comunale di Magione, nel 2018, gli ha intitolato una piazza della frazione a perenne memoria. A seguito dell’eccidio di Montebuono, il Comune di Magione è stato insignito, dal Presidente della Repubblica, della Medaglia di bronzo al Merito Civile.