Home Argomenti Scuola Città della Pieve – Studente del Calvino? Si, ma anche guida turistica

Città della Pieve – Studente del Calvino? Si, ma anche guida turistica

Condividi

 

Città della Pieve. Le lezioni si sono da poco concluse ma gli studenti dell’Istituto di Studi Superiori Italo Calvino sono ancora impegnati in un nuovo progetto che riguarda l’alternanza scuola-lavoro. Un gruppo di studenti delle terze classi sta svolgendo questa esperienza come “apprendisti ciceroni” allo scopo di ampliare la propria conoscenze del territorio e delle opere d’arte. Quello dell’alternanza scuola-lavoro è un progetto che vede i Liceali e ragazzi del Professionale impegnati anche presso l’Ufficio turistico e gli Uffici dell’Amministrazione comunale, sulla base di una convenzione sottoscritta tra lo stesso Calvino e il Comune. Ed è proprio grazie a questi giovani se alcuni spazi museali hanno la possibilità di rimanere aperti ed essere fruiti dai visitatori.

A seguirli nel loro percorso, oltre agli insegnanti della scuola, l’associazione culturale Il Moggio e il FAI – Fondo Ambiente Italiano, che svolge la parte formativa guidando i partecipanti attraverso beni culturali e opere d’arte: Duomo, Santuario della Madonna di Fatima e Oratorio di San Bartolomeo, Chiesa del SS. Nome di Gesù, San Pietro, Santa Maria dei Bianchi e adiacente Oratorio.

Dopo alcuni incontri di formazione, con la preparazione e la traduzione di schede specifiche, sono gli stessi studenti a svolgere attività di informazione e di guida per i visitatori italiani e stranieri, illustrando storia e caratteristiche dei tanti monumenti e opere d’arte che Città della Pieve custodisce, tra cui spiccano le cinque opere di Pietro Vannucci, detto il Perugino, che è nato proprio qui a metà del XV secolo: l’affresco de L’Adorazione dei Magi, il Battesimo di Cristo e la Madonna in gloria con i santi, la Deposizione dalla croce e Sant’Antonio abate. Gli studenti si stanno preparando anche sulle opere pittoriche di Niccolò e Antonio Pomarancio, padre e figlio, e di Salvio Savini. L’attività dei gruppi degli apprendisti ciceroni proseguirà fino ad agosto. I turisti, tra cui tedeschi, russi, ungheresi, hanno finora accolto questa novità con un certo stupore e molto interesse.

Da Stampa e Provincia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here