Cose scritte tra noi

Il cibo: spettacolo e pubblicità? Esagerazioni, omologazione, manie e paradossi dentro il piatto.

La storia degli esseri umani è stata una lunga ricerca, in principio per procacciare il cibo e di seguito per produrlo tramite l’agricoltura. Poi per conservarlo. L’esistenza, ridotta ai minimi termini è sapere che una dispensa anticamente tangibile, oggi “psicologica”, rimane sempre piena allontanando lo spauracchio della carestia, della fame. Ora non voglio dire che pensiamo esclusivamente al cibo, ma ...

Leggi ancora »

Un sogno la vita di Nunzio Dell'Annunziata

“Tutto quel che vediamo, quel che sembriamo,  non è che un sogno dentro un sogno?” ( E. A. Poe) E’ sempre un mistero la vita in tutte le sue fasi e quando ci sembra di aver afferrato una presunta verità, quando una convinzione appare alla fine fondata e l’esperienza, la maturità ci fanno quasi presagire qualche oggettiva realtà, tutto di nuovo si ...

Leggi ancora »

Non eravamo pronti per sorridere Racconto di Nunzio Dell'Annunziata

Tutto iniziò per mezzo degli occhi. La prima volta che li vidi mi sembrarono due finestre, tanto erano grandi e “ariosi”. Erano due finestre aperte su un viso carino. Il corpo non era male ma gli occhi erano troppo belli. Profondi, chiari e lasciavano guardare nell’anima proprio come fossero finestre. Due fari di indefinibile luce. Una volta notati si rimaneva ...

Leggi ancora »

Nemesi all’incontrario di Nunzio Dell'Annunziata

Il villaggio era formato da un cerchio di capanne di fango con il tetto di paglia. L’ingresso era basso in modo da doversi chinare entrando. Qualche gallina spennacchiata gironzolava e un paio di cani malnutriti annusavano tra un mucchio di rifiuti ai margini dell’abitato. L’aria era immota e calma, il calore del sole africano dilatava i colori che in lontananza ...

Leggi ancora »

Ricette e cronache dalla cucina : la bistecca "I Racconti del Maitre" di Nunzio Dell'Annunziata

Le norme di sicurezza nelle cucine professionali sono giustamente, una continua evoluzione di tecniche ed apparecchiature. E ricordo quando installarono porte tagliafuoco e rilevatori di fumo. In caso di incendio, il rilevatore di fumo e temperatura, fa scattare la corrente e le porte metalliche non più frenate dall’elettrocalamita si chiudono isolando l’ambiente in fiamme in modo che l’incendio non si ...

Leggi ancora »

Venti di guerra e piume sulla Pieve di Nunzio dell'Annunziata

Passeggiando per la Pieve, siamo abituati a vedere le fascinose costruzioni di mattoni antichi a vista come fosse un paesaggio posto lì da sempre, da prima dell’antropizzazione. E i tetti con le tegole? Tranquillamente popolati da colombi e cornacchie che convivono pacificamente. Non è stato sempre così. Molti e molti anni fa accaddero fatti che “noi umani nemmeno immaginiamo” e ...

Leggi ancora »

Siamo uomini o banchieri-bancari ? Racconto semiimmaginario di Nunzio Dell'Annunziata

Quando accesi il primo mutuo, qualche speranza gli italiani la inseguivano ancora e la banca: Il Ponte dei Fiaschi Ripieni si mostrava quasi accogliente anche se la maleducazione serpeggiava come un viscido animale allo sportello. Chissà perché questo tipo di “azienda” doveva imboccare la strada del contatto coi clienti dall’alto di una prosopopea e una boria incomprensibile. Ma un impiegato ...

Leggi ancora »

Ricette e cronache dalla cucina. “L’ imbrecciata umbra” Di Nunzio Dell’Annunziata

  La prima volta che mi condussero in cucina ero un giovanotto. Direte di belle speranze…io direi senza speranze…Non ero convinto di lavorare nel settore perché avevo frequentato (senza successo) tutt’altra scuola. Poi ero stato assunto come facchino e con tutto il rispetto non ero felicissimo. Ma d’altronde bisogna pur iniziare e prima di esprimersi bisogna farsi quelle che si ...

Leggi ancora »

Vita via etere Golem o palingenesi di Nunzio Dell'Annunziata

Le immagini che si presentavano nella mente di Giovanni, frugando tra i ricordi dell’infanzia, non erano della sua casa, del lago, dei pescatori di S. Feliciano che rimagliavano le reti. Non erano nemmeno di corso Vannucci con il normale via vai oppure del vicolo Baciadonne. Erano televisive.  Per prima cosa era stato attratto dalla luminosità, dai colori, poi dal movimento ...

Leggi ancora »

Qualche vago ricordo di un aspirante scrittore di Nunzio Dell'Annunziata

(Il primo che venne a farmi visità fu il buon vecchio Ernest. Tornava da una battuta di pesca nel mare di Cuba, o da un safari nel Serengeti, chissà. Era abbronzato e mi raccontò di un vecchio e di un pesce e poi il vecchio aveva il viso di Spencer Tracy. Mi disse che nella vita nasciamo perdenti, l’unica condizione ...

Leggi ancora »