A Città della Pieve “Infiorata Mondiale” per Santiago de Compostela. Gli infioratori del Terziere Casalino al lavoro.

(Comunicato stampa)


Il 24 luglio prossimo gli Infioratori del Terziere Casalino di Città della Pieve e quelli di altre città italiane che fanno parte di Infioritalia, l’Associazione Nazionale delle Infiorate Artistiche, e di varie città del mondo, realizzeranno in contemporanea lo stesso tappeto floreale, ciascuno nella propria località e con la propria tecnica, come segno di fede e di unione tra i popoli in una strada comune, il Camino de Santiago.

Nel 2021 la Chiesa cattolica festeggia l’anno santo giacobeo, ovvero quell’anno in cui le celebrazioni per San Giacomo, uno dei dodici apostoli il cui sepolcro si trova a Santiago de Compostela, ricorrono di domenica. La creazione dell’anno santo a Santiago risale al XV secolo quando i pellegrini, recandosi nella cattedrale della città galiziana, potevano richiedere numerose indulgenze e il perdono dei peccati proprio grazie all’intercessione del santo.

L’ultimo anno santo è stato festeggiato esattamente 11 anni fa, nel 2010. In virtù di tale occasione speciale, è stata creata in Galizia, dagli infioratori di Ponteareas, una rete con un obiettivo principale: promuovere e diffondere il cammino di Santiago unendo pellegrini e fedeli del mondo attraverso l’arte dell’infiorata e dei tappeti artistici.

La commissione è formata da associazioni e gruppi di ogni continente specializzati in creazioni artistiche devozionali legate soprattutto al Corpus Domini, ma anche laiche.
Sono più di 30 le associazioni italiane presenti all’interno delle 250 che fanno parte della “Comision Gestora de Entidades Alfombristas del Camino de Santiago” e ognuna di esse nelle giornate del 24 e 25 di luglio 2021 partecipa al progetto, intitolato “Tappeto mondiale”.

A Città della Pieve, gli Infioratori del Terziere Casalino realizzeranno il quadro di fiori sul selciato di Piazza Plebiscito, cuore pulsante del Centro Storico, al cospetto della magnifica Cattedrale dei Santi Gervasio e Protasio.

La “Comision Gestora de Entidades Alfombristas Camino De Santiago” nei mesi scorsi ha dato avvio ad un concorso internazionale per l’ideazione del bozzetto comune da sviluppare. Numerose sono state le proposte presentate e, a maggioranza, è stato scelta quella pervenuta dalla località di Chinchón in Spagna.

Nel bozzetto sono rappresentati tre importanti simboli: La “concha”, simbolo del Cammino, la croce latina rossa, simbolo de “l’Orden de Santiago” (un antico ordine monastico-militare sorto nel XII secolo nel Regno di León e reso dinastico nel 1492) e il “Botafumeiro” (un immenso incensiere presente all’interno della Cattedrale di Santiago de Compostela.

Nel tappeto floreale, ogni località apporrà il suo nome e la distanza che la separa dalla città di Santiago de Compostela. Nel progetto sono stati coinvolti tutti i continenti e tra le tante nazioni vi sono Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Finlandia, Francia, Germania, Guatemala, Honduras, India, Lituania, Messico, Nicaragua, Nuova Zelanda, Panamà, Paraguay, Perù, Polonia, Portogallo, Spagna, Stati Uniti di America, Tunisia, Ungheria e Venezuela.

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

A Città della Pieve torna “Croma 2021”. la festa a colori.

(Comunicato stampa) Dall’aperitivo fino a notte fonda: shopping, spettacolo, luci e colori nella suggestiva cornice ...