Home Argomenti Arte e Cultura 21 marzo Giornata Mondiale della Poesia. Ci ha scritto un certo...

21 marzo Giornata Mondiale della Poesia. Ci ha scritto un certo Eugenio Montale…

Condividi

Ci è arrivata una lettera dalla riviera ligure, con un mittente che diceva: Eugenio Montale (Genova12 ottobre 1896 – Milano12 settembre 1981) grande  poeta e scrittore italianopremio Nobel per la letteratura nel1975. E dentro c’earno queste famose e splendide poesie. Non potevamo attendere il 21 marzo, Giornata Mondiale della Poesia, giornata in cui il Corriere Pievese aprirà le sue colonne ai versi inviati dai lettori. Abbiamo fatto una eccezione, e forse altre ne faremo se lettere simili ci arriveranno nei prossimi giorni.

I LIMONI

Ascoltami, i poeti laureati

si muovono soltanto fra le piante

dai nomi poco usati: bossi ligustri o acanti.

Io, per me, amo le strade che riescono agli erbosi

fossi dove in pozzanghere

mezzo seccate agguantano i ragazzi

qualche sparuta anguilla:

le viuzze che seguono i ciglioni,

discendono tra i ciuffi delle canne

e mettono negli orti, tra gli alberi dei limoni.

 

Meglio se le gazzarre degli uccelli

si spengono inghiottite dall’azzurro:

più chiaro si ascolta il susurro

dei rami amici nell’aria che quasi non si muove,

e i sensi di quest’odore

che non sa staccarsi da terra

e piove in petto una dolcezza inquieta.

Qui delle divertite passioni

per miracolo tace la guerra,

qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza

ed è l’odore dei limoni.

 

Vedi, in questi silenzi in cui le cose

s’abbandonano e sembrano vicine

a tradire il loro ultimo segreto,

talora ci si aspetta

di scoprire uno sbaglio di Natura,

il punto morto del mondo, l’anello che non tiene,

il filo da disbrogliare che finalmente ci metta

nel mezzo di una verità.

Lo sguardo fruga d’intorno,

la mente indaga accorda disunisce

nel profumo che dilaga

quando il giorno più languisce.

Sono i silenzi in cui si vede

in ogni ombra umana che si allontana

qualche disturbata Divinità.

 

Ma l’illusione manca e ci riporta il tempo

nelle città rumorose dove l’azzurro si mostra

soltanto a pezzi, in alto, tra le cimase.

La pioggia stanca la terra, di poi; s’affolta

Il tedio dell’inverno sulle case,

la luce si fa avara – amara l’anima.

Quando un giorno da un malchiuso portone

tra gli alberi di una corte

ci si mostrano i gialli dei limoni;

e il gelo del cuore si sfa,

e in petto ci scrosciano

le loro canzoni

le trombe d’oro della solarità.

 

PORTAMI IL GIRASOLE

Portami il girasole ch’io lo trapianti

nel mio terreno bruciato dal salino,

e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti

del cielo l’ansietà del suo volto giallino.

 

Tendono alla chiarità le cose oscure,

si esauriscono i corpi in un fluire

di tinte: queste in musiche. Svanire

è dunque la ventura delle venture.

 

Portami tu la pianta che conduce

dove sorgono bionde trasparenze

e vapora la vita quale essenza;

portami il girasole impazzito di luce.

 

NON CHIEDERCI LA PAROLA

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato

l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco

lo dichiari e risplenda come un croco

perduto in mezzo a un polveroso prato.

 

Ah l’uomo che se ne va sicuro,

agli altri ed a se stesso amico,

e l’ombra sua non cura che la canicola

stampa sopra uno scalcinato muro!

 

Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,

sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.

Codesto solo oggi possiamo dirti,

ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

 

 

LE OPERE

Ossi di seppia, Torino, Gobetti, 1925.

La casa dei doganieri e altri versi, Firenze, Vallecchi, 1932.

Poesie, Firenze, Parenti, 1938.

Le occasioni, Torino, Einaudi, 1939.

Finisterre. Versi del 1940-42, Lugano, Collana di Lugano, 1943.

Quaderno di traduzioni, Milano, Edizioni della Meridiana, 1948.

La bufera e altro, Venezia, Neri Pozza, 1956.

Farfalla di Dinard, Venezia, Neri Pozza, 1956.

Xenia. 1964-1966, San Severino Marche, Bellabarba, 1966.

Auto da fé. Cronache in due tempi, Milano, Il Saggiatore, 1966.

Fuori di casa, Milano-Napoli, Ricciardi, 1969.

Satura. 1962-1970, Milano, A. Mondadori, 1971.

Nel nostro tempo, Milano, Rizzoli, 1972.

Diario del ’71 e del ’72, Milano, A. Mondadori, 1973.

Sulla poesia, Milano, A. Mondadori, 1976.

Quaderno di quattro anni, Milano, A. Mondadori, 1977.

Altri versi e poesie disperse, Milano, A. Mondadori, 1981.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here