Umbria dei Territori incontra Alleanza Civica del Nord ed avvia un percorso di collaborazione

(riceviamo e pubblichiamo) Si è svolto lunedi scorso nella bella cornice di Vitalonga in Ficulle l’incontro tra una delegazione di Umbria dei Territori e una di rappresentanti milanesi di Alleanza Civica del Nord. Si è trattato di un primo contatto che ha consentito di conoscere e mettere a confronto le rispettive esperienze nell’organizzazione di movimenti civici a larga scala. L’ACN si caratterizza per alcune scelte di fondo, che vanno dall’europeismo all’autonomia regionale intesa come semplificazione e snellimento delle procedure burocratiche e decisionali, dalla semplificazione del regionalismo in direzione delle macroregioni ad una nuova legge elettorale nazionale che affermi la scelta e il rapporto diretto dei parlamentari con il territorio.

Una filosofia dunque di rinnovamento, anzi di rigenerazione, della politica nazionale improntata alla responsabilità civica non contro ma al di fuori dei partiti tradizionali e con l’intento di diventare un’organizzazione a rete in cui l’autonomia di ciascuno diventi la forza di tutti.

Umbria dei Territori ha accolto con soddisfazione la proposta di queste idee che in larga parte coincidono con quanto si è pensato e fatto qui, peraltro in condizioni rese difficili dall’immediatezza della scadenza elettorale che, per una serie di circostanza, non ci ha consentito di presentare né liste proprie né in coalizione con altri, senza tuttavia rinunciare ad una seria battaglia politica, come dimostra tra l’altro anche questa iniziativa.

 Ci siamo perciò impegnati a consolidare e sviluppare il percorso di coordinamento efficacemente iniziato collegandoci da una parte con altri raggruppamenti civici dell’Umbria che vogliano proseguire con noi un percorso di rinnovamento e dall’altra con le analoghe esperienze già esistenti in Toscana e altre eventuali delle Marche e del Lazio settentrionale. Per intanto si è ipotizzato di iniziare uno scambio con ACN sia sul piano delle elaborazioni e delle proposte che delle iniziative. Nel contempo saranno presi analoghi contatti con movimenti di aggregazioni civiche nelle regioni del Sud, che sono orientate in modo sostanzialmente simile.

Da questo incontro dunque si profila la prospettiva di una novità politica tendente a cambiare il Paese a partire dai territori, che si pongono così come la vera forza di rinnovamento non solo amministrativo ma politico generale e di classe dirigente.

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Paciano. Disabilità e inclusione sociale: si chiude il primo Festival del Paesaggio al Trasimeno.

(Comunicato stampa) Il primo Festival del Paesaggio al Trasimeno, arriva a conclusione. Alla sua prima ...