“Tracce” di Città e di Umanità”. Silvia Rea in mostra a Città della Pieve Apre Sabato 25 agosto a Palazzo della Corgna

“Tracce” di Città e di Umanità è il titolo della personale della pittrice napoletana Silvia Rea che apre Sabato 25 agosto a Palazzo della Corgna con il patrocino del Comune di Città della Pieve. L’artista, nata a Grottaglia (TA), ha sempre vissuto a Napoli. Appassionata di disegno e pittura, dal 2004 si dedica alla pittura a tempo pieno.

In un’atmosfera di derivazione metafisica, ottenuta attraverso tensioni cromatiche ora delicate, ora più marcate, le molteplici figure create dall’artista, sospese nella loro dimensione spazio-temporale, superano il piano documentaristico per proiettarsi verso più alti e differenti piani narrativi. Esse divengono quasi un fermo immagine, non più di un preciso istante, ma di una condizione storico-sociale e forse esistenziale, di un’epoca.

Le “tracce” sono anche i residui delle attività umane, come scatole o carta straccia, gettati negli angoli della città. Gli oggetti raffigurati, decontestualizzati, da simbolo di spreco e consumo frenetico diventano opere di insospettabile potenziale estetico. L’artista si dimostra capace di donare a quegli stessi oggetti una dignità artistica, innescando un sottile gioco d’immaginazione incentrato sugli sviluppi figurativi che semplici dettagli di vita metropolitana possono innescare.

 

 

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Nasce un Comitato per difendere la legge sull’aborto Prima iniziativa del Pd MERCOLEDI' 21 NOVEMBRE - ORE 17,00

(Comunicato stampa) SAVE THE DATE “UNITE E UNITI: NON UNO/A DI MENO” “COMITATO  A DIFESA ...