Tanti auguri a Paolo Perugino e a Eva Tei. Nozze di ferro a Città della Pieve

Città della Pieve. Conosco da tanto tempo Paolo Perugino, anche se da qualche anno l’ho perso un po’ di vista, come ho conosciuto  tanto tempo fa suo fratello Nello che purtroppo ci ha lasciati da tempo.  Così come  ho conosciuto  i rispettivi figli maschi Ivano, Fabrizio e Tiziano. Li ho conosciuti in anni lontani quando erano in prima fila per affermare i diritti di giustizia del mondo del lavoro e i veri valori dell’impegno civile e politico. Prima di riportare l’articolo del giornale del Comune, volevo fare i miei auguri personali a Paolo ed ai suoi familiari. (g.f)

Da settanta anni insieme. Paolo Perugino e Eva Tei, hanno rispettivamente 90 e 86 anni e si sono fidanzati quando ne avevano 19 e 15. La loro è una vita vissuta insieme, nelle difficoltà come nelle gioie. Un matrimonio celebrato a Città della Pieve, dove i due anziani ancora vivono e dove con i loro familiari hanno festeggiato le “nozze di ferro”. Era il 20 febbraio del 1947 quando hanno pronunciato il “si” che ha dato inizio alla loro numerosa famiglia.

Dalla loro unione sono nati Gabriella ed Ivano, che a loro volta (sposandosi con Sergio e Carla) hanno messo al mondo tre nipoti (Lara, Marcello e Mirco). Ma l’albero genealogico ha messo ancora nuovi rami, quelli dei bis nipoti: Martina, Michele, Filippo, Paolo e Damiano. Tutti insieme hanno brindato davanti ad una enorme torta nei giorni scorsi.

“A questi due anziani e alla loro unione così duratura vanno gli auguri dell’Amministrazione –  il commento del sindaco Fausto Scricciolo – che siano di esempio per tutti noi e il simbolo di come a Città della Pieve si tramandano valori sani legati alla famiglia”.

da Ufficio Comunicazione del Comune di Città della Pieve

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Trovato e restituito un piastrino ad un militare di Città della Pieve Grazie alle ricerche del Gruppo Ricerche Storiche di Roma

Alcuni giorni fa siamo stati contattati dal Gruppo Ricerche Storiche di Roma  che ci segnalava ...