Successo per l’inaugurazione della mostra “(Ri)scrivere il passato: il nome Etrusco di Chiusi e altre storie” Le opere sono esposte nei tre Musei della Città: Museo Nazionale Etrusco, Museo Civico La Città Sotterranea e Museo della Cattedrale e Labirinto di Porsenna.

Il convegno e la mostra “(RI)SCRIVERE IL PASSATO: il nome Etrusco di Chiusi e altre storie” sono stati un vero successo: le iniziative organizzate in occasione della Giornata degli Etruschi 2019, durante le Giornate Europee del Patrimonio hanno visto un’ampia partecipazione sia nella mattinata, con la visita di tre classi delle scuole elementari che hanno inaugurato la Mostra in anteprima – con le attività didattiche a loro riservate, sia nel convegno, organizzato al Teatro P. Mascagni nel pomeriggio, sia all’inaugurazione della Mostra “diffusa”. Le opere, infatti, sono esposte nei tre Musei della Città: Museo Nazionale Etrusco, Museo Civico La Città Sotterranea e Museo della Cattedrale e Labirinto di Porsenna. Grande apprezzamento è stato dimostrato anche nei confronti della guida Kids e del Catalogo, che ha visto numerosi contributi di epigrafisti e studiosi del settore con il coordinamento scientifico da parte del direttore del Museo Nazionale Etrusco di Chiusi, Polo Museale della Toscana, Dott.ssa Maria Angela Turchetti.

L’intera iniziativa si è incentrata attorno alla rilettura di un frammento di vaso in ceramica a vernice nera conservato al Museo Nazionale Etrusco di Chiusi, databile al III-inizi II sec. a.C., in cui è il riportato il nome etrusco della antica Città di Porsenna (il “Magnus Dux Etruriae”, titolo che molti secoli dopo, il 27 Agosto 1569, venne conferito a Cosimo I de’Medici, Granduca di Toscana), nella forma dell’aggettivo “Cleusins”.

“Una bella soddisfazione – dichiara il vicesindaco del Comune della Città di Chiusi Chiara Lanari – vedere tanta partecipazione ed interesse nei confronti di temi storici e archeologici fondanti la nostra identità più antica. Ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del convegno, della mostra, del catalogo e della guida kids e invitiamo quante più persone possibili a visitare la nostra città, i nostri territori e i nostri Musei, già uniti dalla bigliettazione unica dove, fino al 29 Marzo 2020, troveranno la Mostra, perché attraverso le testimonianze del passato si possano scoprire e riscoprire valori di grande attualità.”

“Lavoriamo ogni giorno per rendere i Musei del territorio luoghi di incontro e di crescita, all’Interno dei quali riscoprire  l’importanza e il fascino del passato, collegandolo al presente– dichiara il Direttore del Museo Nazionale Etrusco di Chiusi – Polo Museale della Toscana – D.ssa Maria Angela Turchetti – con questo scopo abbiamo progettato e realizzato la mostra, il catalogo e le iniziative correlate; la partecipazione e l’entusiasmo che abbiamo percepito ci spingono a continuare lungo questa strada,  grati a tutti coloro che hanno collaborato a raggiungere questo piccolo grande obbiettivo. Un progetto e un percorso che auspichiamo possano essere di ulteriore stimolo alla visita del Museo Nazionale Etrusco e degli altri musei cittadini.

Gli eventi sono organizzati dal Comune della Città di Chiusi, con il contributo del Consiglio Regionale della Toscana, in collaborazione con il MNEC – Polo Museale della Toscana, Feisct, Gruppo Archeologico ‘Città di Chiusi’, SABAP-SI, Fondazione Orizzonti d’Arte, Università degli Studi Roma 3, Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, Opera laicale della Cattedrale, Coop A.R.A. Per info sulla mostra e sugli orari di visita si possono contattare direttamente i singoli Musei, anche attraverso i canali social. Info Città di Chiusi, eventi e proposte di visita VisitChiusi.it e ufficio turistico Comunale – prolocochiusi.it

Ufficio Comunicazione Comune di Chiusi

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Sette serate ad ingresso gratuito in piazze e location suggestive

Dal 15 luglio al 26 agosto tra Piegaro e Panicale la “Sagra del cinema”.