“Strasimeno 2019”. Già aperte le iscrizioni all’ evento vetrina internazionale del Trasimeno Mancano 90 giorni alla grande festa del podismo umbro

La macchina organizzativa della Strasimeno è già a pieno regime. Mancano meno di 90 giorni al 17 marzo 2019 e tra gli appassionati dell’ASD Filippide e dell’Atletica Avis Perugia, organizzatori della corsa, fervono i preparativi, con un attento e sapiente lavoro di preparazione e di promozione che sta procedendo spedito per pianificare al meglio la più bella gara podistica dell’Umbria che giunge all’edizione numero 18.

Iscrizioni già aperte dai primi giorni di ottobre, sempre sulla consueta piattaforma online, con l’organizzazione che si sta muovendo su vari fronti per promuovere l’evento che sarà, come consuetudine, il primo grande appuntamento internazionale per il territorio lacustre, non solo in ambito sportivo ma anche in generale, alla luce dei grandi numeri che consegue e per la promozione del Trasimeno che questa grande kermesse sa realizzare.
«Importante in quest’ottica è stata la presenza con uno stand dedicato all’Expo Marathon di Firenze dello scorso novembre – spiega Giovanni Farano, presidente della Filippide – dove abbiamo promosso la corsa ed il territorio con distribuzione di volantini, opuscoli e filmati dedicati: il nostro ultimo video, da noi prodotto e pubblicato su YouTube (https://youtu.be/64zX9ow-SLU), ha avuto un ottimo successo».

Alcune novità saranno introdotte nella prossima edizione del 17 marzo. A Castiglione del Lago la zona di partenza e arrivo verrà spostata in zona Lido Arezzo, concentrando quindi in poche decine di metri il centro della maratona, la direzione gara e tutti i servizi vari per gli atleti, dalle docce, al pasta party e infine il luogo delle premiazioni finali. Altra novità sarà l’introduzione di ulteriori tratti di pista ciclabile, in particolare nuovi 3 chilometri, dal km 5 al km 8 nel rinnovato e bellissimo tratto tra Rigutini e la Badiaccia e poi con ulteriori 2 chilometri dal km 42 al km 44: in questo modo i concorrenti avranno il vantaggio di correre in uno scenario più spettacolare e con il grosso vantaggio di non correre con a fianco il traffico automobilistico.

«Cambierà anche la location arrivo e transito della Maratona al km 42  sempre a Sant’Arcangelo – spiega Farano – non più in via Cefalonia ma in via della Palazzetta, nella zona del Centro Ittiogenico e Campo Sportivo: anche in questo caso con lo spostamento si otterrà una sensibile ottimizzazione nella fruizione dei servizi proposti».
La sfida che si pongono gli organizzatori della Strasimeno è quella di implementare e confermare il numero dei partecipanti, e se possibile aumentarli, provenienti da tutta Italia e da altri Paesi europei. «Auspichiamo una rafforzata collaborazione con le Scuole Primarie di Castiglione del Lago – conclude Farano – con le quali collaboriamo da anni e che rappresentano per noi un essenziale rapporto anche nell’immediato futuro. Voglio cogliere l’occasione per ringraziare il sindaco di Castiglione del Lago Sergio Batino, e tutta l’amministrazione comunale, per l’aiuto e il supporto alla ricerca degli sponsor che si sta concretizzando con il cospicuo intervento dell’Acea di Roma».
Tutti gli sportivi, competitivi e non competitivi, possono da subito iscriversi alla Strasimeno 2019 attraverso la piattaforma dedicata all’indirizzo “www.podismo.it/strasimeno-ultramaratona-del-lago-trasimeno/iscrizioni“.(AKR)

 

Riguardo a redazione

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Team LarisBike: la prima cena, le nuove divise ed il raduno ufficiale aprono la nuova stagione. È partita la nuova stagione LarisBike 2019

È partita la nuova stagione LarisBike 2019, il sodalizio guidato dal presidente Chiappini riparte di ...