Rifiuti. Nodo bioreattore. Il collaudo è ok ma resta spento Su Pietramelina e Borgogiglione non una parola.

Rassegna stampa. Dal Corriere dell’Umbria di Alessandro Antonini

 Le quattordici celle del bioreattore della discarica di Borgogiglione rispettano tutte l’indice respirometrico reale. Il collaudo è ok, stando all’ente di certificazione esterno – riconosciuto a cui si è rivolta Tsa. Ma Arpa e Regione vogliono la prova del nove, il controcollaudo in proprio. Cosi l’impianto dopo il refitting non può ancora riprendere a funzionare. L’altro inciampo è che manca ancora il rinnovo dell’autorizzazione ambientale (Aia) per l’intera discarica. Non è nemmeno stata convocata la conferenza di servizi. I tempi si allungano. Senza nuova Aia non si possono attuare i lavori del secondo strato del bioreattore stesso.

Il disco verde della Regione, come noto, manca anche per Pietramelina, dove i cantieri al vaglio sono chiusi: in teoria la Forsu – la frazione organica dei rifiuti solidi urbani – può rientrare, ma nessuno si prende la briga di autorizzare il conferimento. A peggiorare le cose la fresca diffida della stessa Regione per rimpianto di trattamento meccanico biologico di Ponte Rio che avrebbe superato i quantitativi previsti.

Il nodo impiantistico dell’ex Ati 2 è sempre più avviluppato e a tagliarlo di netto non sembra essere la soluzione temporanea trovata con la “solidarietà” tra territori, dopo lo stop di Hera in Emilia per il guasto di un impianto e il surplus di immondizia ferragostana e conseguente rischio crisi.

Il presidente dell’autorità regionale su rifiuti e idrico (Auri, ossia i 92 Comuni umbri), Cristian Betti sindaco di Corciano, ha annunciato che oltre al piano d’ambito entro la prima metà del 2018 ci saranno a disposizione due nuovi impianti per l’organico a Belladanza e Casone. Ma Foligno e Altotevere basteranno per tutto il territorio dell’ex Ati? Su Pietramelina e Borgogiglione non una parola. I sindaci del Trasimeno intanto costituiscono un osservatorio per arrivare a “rifiuti zero” composto da municipi, associazioni e gestore. Quasi a indicare un nuovo piano dei rifiuti, però “dal basso”.

 

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Gruppo Il Riccio “Straordinaria partecipazione alla “Notte della Luna Rossa” Hanno partecipato oltre 200 persone

Il Gruppo Ecologista “Il Riccio” di Città della Pieve esprime soddisfazione per la riuscita dell’iniziativa ...