Piegaro. Un murales per non disperdere la memoria dell’impagliatura

(Cittadino e Provincia) Una scena di vita domestica con donne e bambini intenti ad impagliare fiaschi. E’ dedicato ad uno degli elementi identitari di Piegaro, appunto il fiasco impagliato, il secondo murales che Renato Bisci ha realizzato nel centro storico.

All’inaugurazione dell’opera, in Via Cavour, nelle immediate vicinanze del palazzo municipale, erano presenti lo scorso fine settimana (in concomitanza con la Sagra della Castagna), rappresentanti dell’Amministrazione comunale e dell’Associazione culturale Il Borgo.

Nel dipinto è riprodotto un antico ambiente familiare, con la famiglia radunata e dedita alla lavorazione del fiasco. Compresi i più piccoli ai quali spettava il compito di preparare le corde.

L’impegno di Bisci a favore di questa antica lavorazione artigianale, interrotta negli anni ‘80, non si limita al solo murales. Si deve infatti a lui se agli inizi del Duemila si decise di dar vita al primo Palio del fiasco impagliato, momento di celebrazione collettiva di un mestiere che per lungo tempo ha rappresentato un’importante fonte di reddito per le famiglie piegaresi.

L’amore di Bisci per questo luogo era già emerso nel suo primo murales, realizzato all’inizio di Via del Passeggio, in cui è rappresentata la Piegaro di metà Novecento.

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Coronavirus. Umbria. Negativo primo test su caso sospetto

(aun) La direzione Sanità della Regione Umbria comunica che l’esito del primo test sul paziente ...