Piegaro. Giunta Tesei, Peltristo: «Tornare a fare le cose di base, poi ascoltare i cittadini»

(Comunicato stampa)

«Donatella Tesei è riuscita ad espugnare una regione governata per 49 anni dal centrosinistra. Una svolta storica, che apre una nuova era per la politica locale» – l’ha definita così Augusto Peltristo, capogruppo della minoranza di centrodestra dell’Unione dei Comuni del Trasimeno e della lista di opposizione Civica Piegaro.

Peltristo, nell’augurare alla neo presidente e alla nuova giunta il buon lavoro, ricorda alcune cose basilari che si sono perse da parecchio tempo con il centrosinistra: «Una regione che si è trovata un po’ allo sbando su tutto» – ha detto Peltristo -. Bisogna tornare a fare le cose di base che si sono perse nel tempo e quindi – spiega il candidato a Sindaco di Piegaro alle precedenti amministrative – parlare di sicurezza stradale (tante strade regionali e provinciali sono in stato di abbandono), del rischio idrogeologico, ma prima di tutto di sanità e di salute in generale, poi del turismo e dell’economia».

Iniziare dalle piccole cose per poi programmare anche i grandi lavori da qui a cinque anni. «Ma – ribadisce Peltristo – ci sono lavori da fare immediatamente, serve un cambio di passo e, allo stesso tempo, programmare i lavori, sia nel medio e lungo periodo».

Peltristo coglie l’occasione per dire che presto, come capogruppo, incontrerà l’assessore con la delega alla sicurezza stradale, Enrico Melasecche Germini, rimarcando una cosa importantissima che negli ultimi tempi si era persa, e cioè: «Ascoltare, rispondere e incontrare i cittadini che si rivolgono alle istituzioni, quando hanno un problema».

E per finire: «Auguro un in bocca al lupo alla nuova giunta, fatta di persone valide e in grado di dare risposte concrete, risposte che mancano da tempo».

Riguardo a antoniodellaversana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Alta Velocità a Chiusi. Pd e Gruppo Città della Pieve in Comune “Indispensabile un collegamento con Perugia”

"Lo sviluppo di Città della Pieve passa anche da questo"