Panicale. Sanità, taglio del nastro al San Sebastiano Inaugurato il piano superiore della Residenza Protetta. Dieci nuovi posti per i non autosufficienti

(Cittadino e Provincia) Completata la Residenza protetta San Sebastiano di Panicale. Si è svolta martedì pomeriggio la cerimonia di inaugurazione del piano superiore della struttura sanitaria.

Un evento a cui hanno preso parte Giulio Cherubini, Sindaco del Comune di Panicale, Andrea Ferraguzzi, Presidente dell’Istituto S. Sebastiano, Simonetta Simonetti, Direttore del Distretto Trasimeno, Andrea Casciari, Direttore Generale della USL Umbria 1 e Luca Barberini, Assessore alla Salute della Regione Umbria.

“Il piano inaugurato accoglierà ulteriori 10 persone anziane non autosufficienti e consentirà così di prendere in carico complessivamente 28 pazienti. La residenza Protetta San Sebastiano conferma Panicale quale polo di riferimento per l’assistenza agli anziani dell’intera area del Trasimeno – spiega Andrea Casciari, Direttore Generale della Usl Umbria 1 – Il borgo, infatti, ospita anche la residenza protetta “Olindo Brancaleoni”, con altri 30 posti letto e un Centro Diurno che accoglie 10 persone, tutti direttamente gestiti dalla USL e funzionalmente collegati tra di loro e con gli altri servizi territoriali.

Considerati i 58 posti letto delle due Residenze Protette di Panicale e i 78 presenti nelle due strutture private convenzionate di Città della Pieve e Magione, l’offerta complessiva sul territorio del Trasimeno ammonta a 136 posti letto”.

“La definitiva messa a regime della struttura risponde alle esigenze di un territorio con l’età media tra le più alte dell’intera USL – prosegue la Dr.ssa Simonetta Simonetti, Direttore del Distretto del Trasimeno – e potrà favorire anche il rientro nel proprio contesto di vita di persone attualmente inserite in altre analoghe strutture regionali. Anche se obiettivo prioritario verso le persone anziane disabili, rimane l’intervento al proprio domicilio, l’aumento degli anni vissuti in condizione di non autosufficienza, unitamente alle crescenti difficoltà delle famiglie, ha determinato il progressivo incremento della richiesta di inserimento in residenza protetta”

Per il sindaco di Panicale Cherubini la struttura rappresenta una “fonte di vita sociale e partecipativa per la comunità locale”. Cherubini ha quindi auspicato il mantenimento dei servizi specialistici sul territorio. Territorio che sta subendo più di altri un progressivo invecchiamento della popolazione e che per questo necessita di operatori sempre più qualificati e specializzati.

Una struttura come quella di Panicale accoglie anziani non autosufficienti, portatori di patologie croniche stabilizzate che non possono essere assistiti al proprio domicilio, offrendo interventi sanitari, socio-assistenziali e riabilitativi. In collaborazione con le famiglie, le Associazioni ed altre risorse del territorio, vengono effettuate, inoltre, attività ludico-ricreative e laboratoriali. Il tutto, finalizzato al mantenimento e, ove possibile, al miglioramento delle capacità residue degli ospiti.

Riguardo a redazione

Un commento

  1. Fausto

    Speriamo che se ci sono state colpe o omissioni vengano accertate, e che eventuali sbagli non ricadano sulle spalle di tutti.
    Se c’è inquinamento il sistema deve essere bonificato, ma speriamo che non si adoperino soldi pubblici per risanare situazioni create da privati-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Sanità Trasimeno, Peltristo chiede un tavolo istituzionale con la Regione Nota del gruppo di minoranza dell’Unione dei Comuni del Trasimeno

(Comunicato stampa).  Chi la dura la vince. Il gruppo di minoranza dell’Unione dei Comuni del ...