Panicale . Oltre 200mila euro all’anno in più per servizi e manutenzioni. Assessore Coppetti annuncia la ricontrattualizzazione mutui. “Stiamo operando per affrontare meglio le difficoltà dell’emergenza”.

(Cittadino e Provincia)  “Già a partire da quest’anno, l’Amministrazione comunale di Panicale potrà contare su oltre 200 mila euro all’anno in più, per i prossimi dieci anni, da destinare a servizi e manutenzioni ordinarie, grazie all’operazione di ristrutturazione del debito che abbiamo concluso con successo sulla base delle opportunità messe a disposizione, recentemente, da Cassa Depositi e Prestiti su indirizzo del Governo nazionale”.

E’ quanto annuncia l’Assessore al Bilancio del Comune di Panicale, Stefano Coppetti.

“La nostra Amministrazione – spiega l’assessore – risente del peso finanziario derivante da mutui contratti nei decenni passati, per circa 7 milioni di euro, che hanno finito per ingessare progressivamente il bilancio comunale alla luce delle regole più stringenti introdotte proprio dalla prima metà degli anni 2000”.

Grazie a questa operazione, come illustra Coppetti, l’Ente è riuscito a ricontrattualizzare 115 mutui sui 169 ancora attivi, ottenendo un significativo risparmio dalla riduzione del tasso d’interesse e nuova disponibilità dalla rimodulazione dello stock del debito, ottenuta da Cassa Depositi e Prestiti.

“Non posso che esprimere soddisfazione per questo importante risultato – aggiunge Coppetti- fortemente voluto dal Sindaco Giulio Cherubini e da tutta la Giunta comunale, che è maturato anche grazie al lavoro della responsabile di area Monica Mipatrini e di tutto l’Ufficio servizi finanziari”.

“Al fine di poter disporre di ulteriori risorse da impiegare al servizio della comunità panicalese – conclude l’Assessore – siamo già al lavoro per avviare anche sui mutui restanti una nuova trattativa con gli istituti bancari, così da completare un piano di finanza pubblica in grado di sostenere maggiormente le difficoltà derivanti dall’emergenza sanitaria”.

Riguardo a antoniodellaversana

Un commento

  1. Fausto

    Speriamo che se ci sono state colpe o omissioni vengano accertate, e che eventuali sbagli non ricadano sulle spalle di tutti.
    Se c’è inquinamento il sistema deve essere bonificato, ma speriamo che non si adoperino soldi pubblici per risanare situazioni create da privati-

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Amianto nelle tubazioni, monitorare l’acqua. Peltristo chiede un’audizione alla Presidente della Commissione Sanità.

(Comunicato stampa) Più di 30 documenti, tra richieste di informazioni, solleciti e risposte, comunicazioni telefoniche, ...