Paciano: Salute mentale, il telaio che cura. Mercoledì 11 aprile porte aperte ai laboratori “Arts&Crafts” di TrasiMemo e confronto tra esperti.

A Paciano la tessitura è arte, mestiere ed anche terapia. Sono tre anni che a TrasiMemo, Banca della Memoria del Trasimeno si sperimenta con esiti molto positivi la tessitura come metodo di “terapia occupazionale”.

Mercoledì 11 aprile a partire dalle ore 10,30 si spalancheranno le porte dei laboratori “TrasiMemo. Arts&Crafts”, per una giornata di dimostrazioni e di riflessioni.

Il progetto, cofinanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e Comune di Paciano e gestito dalla Cooperativa Frontiera Lavoro, sta coinvolgendo una trentina di pazienti del Centro di Salute Mentale di Magione. Al loro fianco c’è fin dall’inizio l’esperta tessitrice Monica Giacomelli.

L’evento di mercoledì prossimo, dal titolo “TrasiMemo Arts&Crafts: una terapia occupazionale è possibile”, prevede in apertura la visita al laboratorio, durante la quale gli apprendisti tessitori illustreranno le loro attività. La seconda parte della mattinata sarà invece dedicata ad un confronto tra esperti per raccogliere contributi e riflessioni. Interverranno Pasquale Parise, Direttore Sanitario della USL Umbria 1, Gianfranco Salierno, del Centro Salute Mentale Trasimeno – USL Umbria 1 e Roberta Veltrini Presidente Coop. Frontiera Lavoro. Coordinerà i lavori Cinzia Marchesini, vicesindaco del Comune di Paciano.

Riguardo a cecilia fattorini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Montepulciano. Intorno a Don Carlos: prove d’autenticità Al Teatro Poliziano, prova aperta dello spettacolo di Marco Filiberti Domenica 22 aprile, ore 21.15

  Domenica 22 aprile al Teatro Poliziano, ore 21.15, il pubblico potrà partecipare a una ...