Paciano e TrasiMemo al “TourismA” di Firenze Agli Stati generali della gestione dal basso del patrimonio culturale molto apprezzata l’esperienza di Paciano

Dinamicità, partecipazione e riuso dei saperi in chiave contemporanea. E’ soprattutto per queste caratteristiche che l’esperienza di TrasiMemo (Banca della memoria del Trasimeno) si è messa in luce nell’ambito de “Il bene nostro”, gli Stati generali della gestione dal basso del patrimonio culturale, che si è svolto lo scorso fine settimana a Firenze all’interno di “TourismA – Salone dell’Archeologia e del Turismo Culturale”.

All’evento, nato per iniziativa del prof. Giuliano Volpe (già presidente del Consiglio superiore per i beni culturali e paesaggistici Mibact), è stata infatti portata anche la voce umbra dell’esperienza pacianese attraverso la partecipazione del vicesindaco Cinzia Marchesini.

Scopo dell’incontro era far emergere un fenomeno presente nel nostro paese, ma scarsamente conosciuto e valorizzato: quello delle numerose realtà della società civile che si prendono cura, gestendolo, dell’enorme patrimonio culturale diffuso e spesso condannato al degrado e alla marginalità. Si tratta di grandi e piccole fondazioni, associazioni e piccole società e cooperative, singoli professionisti che operano in silenzio tra mille difficoltà, energie vive che attraverso la gestione del nostro patrimonio in un’ottica di servizio pubblico fanno rinascere territori e comunità, anche in chiave economica e occupazionale, oltre che culturale e sociale.

Come appunto accade da alcuni anni all’interno di Palazzo Baldeschi a Paciano, sede di TrasiMemo.

“La partecipazione a TourismA per gli Stati Generali della gestione dal basso dei patrimoni culturali è stata molto numerosa – riferisce Marchesini -. Ha prodotto, oltre che un incontro tra esperienze eccellenti da tutta Italia, anche un documento con il quale si chiede maggiore attenzione per le tante cittadine e cittadini italiani che desiderano partecipare attivamente alla vita culturale della Repubblica. La nostra esperienza di TrasiMemo – aggiunge – dedicata alla rigenerazione dei saperi immateriali, è stata apprezzata per la sua dinamicità con buone pratiche di ricerca e partecipazione di gruppi formali e informali, per l’uso sociale della ricerca antropologica in salute mentale e le tante attività di riuso dei saperi in chiave contemporanea”.

“Siamo orgogliosi – dichiara il sindaco di Paciano Riccardo Bardelli – di aver portato l’esperienza di TrasiMemo a ‘Bene Nostro’ per gli Stati Generali del patrimonio culturale. A Paciano la sinergia tra istituzioni pubbliche e privati cittadini permette di gestire e valorizzare patrimoni culturali ed offrire servizi a turisti e visitatori”.

 

 

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

“Di fiore in fiore”. I fiori di Piegaro nell’arte del vetro”. Domenica 23 giugno presso il Museo del Vetro di Piegaro, verrà inaugurata la mostra

Una mostra collettiva di opere in vetro pensata per unire due realtà del territorio legate ...