Paciano – Commercio, quattro nuove attività rilanciano il centro Comune: “Si apre una nuova stagione”. Appello ai proprietari di spazi inutilizzati

Sei commercianti scelgono di ripartire da Paciano. Il piccolo borgo umbro cresce in termini di appeal, catalizzando gli interessi di piccoli imprenditori che legano il proprio destino professionale a questo angolo di Trasimeno. Rappresenta un momento molto importante per la piccola comunità pacianese di appena 900 abitanti il fatto che, nell’arco di pochi giorni, ben quattro nuove o rinnovate attività vi abbiano preso piede. Dallo scorso fine settimana infatti Paciano può contare sulla presenza di un nuovo esercizio di ristorazione e di un nuovo negozio di moda e prodotti tipici. Inoltre due attività, già presenti, si sono completamente rinnovate ed espanse. Si tratta della macelleria storica del paese che si è ora dotata di una licenza per la somministrazione di cibi caldi e freddi e del negozio di parrucchiera che si è appena trasferito in uno spazio più accogliente.

A scommettere su Paciano sono trenta-quarantenni, per lo più non residenti, ma che in questo borgo, stando alle loro dichiarazioni, hanno trovato il giusto mix di elementi (dinamicità, movimento locale e turistico, fiducia e sostegno da parte dell’Ente pubblico) per intraprendere una nuova avventura lavorativa. “Ci piace e ci convince questo luogo”, dice la laziale Emanuela Sortori, che insieme al compagno, il milanese Massimo Gallo, ha dato vita ad una locanda con 45 posti a sedere, specializzata in braceria, bruschetteria e birra, così da intercettare i gusti di un target più giovanile.

A spingere la pievese Maica Francini ad aprire, insieme al marito Antonio Graziani, un negozio di merceria, prodotti tipici e terrecotte, è stata “l’apertura mentale” riscontrata tra la gente del posto e la loro calorosa accoglienza. Anche per Pina Pennino, da sei anni l’unica parrucchiera presente in paese, la decisione di “reinvestire su se stessa e su Paciano” è stata dettata dal rapporto di profonda stima e fiducia instaurato con la clientela locale. Per Carla Bittoni, da 27 anni titolare della macelleria del centro storico, l’unica attività commerciale ormai rimasta all’interno del paese, “Paciano ha tutto ciò che serve per viverci e lavorarci”. “Nuove e vecchie attività che aprono e si rinnovano – fanno sapere dall’Amministrazione comunale – è per noi dimostrazione di fiducia e auspicio di una buona stagione. La collaborazione fra imprenditori e fra loro e le istituzioni in territori di provincia è sempre più importante. Infatti tra i nostri obiettivi c’è l’aumento delle attività nel centro storico. Pertanto il passo successivo sarà stimolare i proprietari di spazi inutilizzati affinchè collaborino alla loro nuova vita”.

Da Stampa e Provincia

Riguardo a David Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Confcommercio “Subito liquidità e decontribuzione alle imprese, o tantissimi chiuderanno per sempre”

Le priorità indicate dalla Giunta dell’organizzazione, che si è riunita per fare il punto sull’emergenza economica causata dal coronavirus .