Matteo Fantozzi “Vorrei essere…”

Una foglia che balla

Sopra un letto d’acqua,

Ondeggia a destra e a sinistra

Rincorrendo il suo riflesso

Mentre la pioggia scalfisce

La sua strada.

 

Una foglia che balla

Leggera in cielo

Roteando su se stessa

Condotta in un lento

Dal vento

Del sole che tramonta.

 

Una foglia che balla

Tra le mani

Di un bambino

Quando fa della risata

Il suo momento

Di felicità.

 

____

 

L’ultima stella in cielo,

Il primo schiarirsi

E il dolce silenzio

Che va interrompendosi.

 

Prendono forma gli alberi,

Non più ombre scure mescolate,

Ma forme distinte

Intente a colorare

L’orizzonte più vicino.

 

Un aereo che è solo

Un puntino luminoso

Senza scia,

Senza rotta.

 

Un lampione che si fredda

Mentre il mondo si scalda.

 

Il buio non fa più paura.

La calma,

L’alba.

________________________

 

 

Ogni tanto hai bisogno

Di stare solo

Con i tuoi pensieri.

 

Il tempo corre

E raramente basta

Per rovesciare fuori

Tutte le parole

Che ti intasano la gola.

 

Il rumore del mondo

È straziante,

Ma ti permette di ascoltare

E contare

Le gocce di pioggia

Che cadono dentro

Ad una pozzanghera.

 

Un istante

Lontano dal dolore

È una dose

Di felicità.

 

La pozzanghera

È sempre più piena

Ed io sono

Sempre più sordo.

 

_________________________

 

 

Vorrei essere

Il tuo quadro preferito

Così da avere i tuoi occhi

Fissi su di me ogni volta

Che ti capito davanti.

 

Vorrei essere

La strada che fai

Tutte le mattine

Per accompagnare

I tuoi sogni

Ovunque ti portino

Le gambe.

 

Vorrei essere

La tua mano

Quando sei sola

Per conoscere

I segreti del tuo corpo.

 

Vorrei essere

Una canzone

Per occuparti la testa

Quando viaggi

E scopri

La curiosità.

 

Vorrei essere

Quello desideri

Per non doverti mai

Guardare andare via.

 

______________________

 

Per ogni salto non fatto

Per ogni dopo lo faccio

Per ogni parola taciuta

Per ogni sorriso negato

Per ogni bacio non dato

Per ogni attimo rubato

Per ogni sogno perso

Per ogni ballo dimenticato

Per ogni esame bocciato

Per ogni vaffanculo preso

Per ogni secondo sprecato

Per ogni libro letto

Per ogni film visto

Per ogni sentimento vissuto

Per ogni pianto nascosto.

 

Sii leggero, sempre

E goditi quello che hai.

È prezioso.

 

 

 

 

 

 

Riguardo a Gianni Fanfano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Controlla anche

Le sponde del lago di Chiusi tornano pienamente fruibili

Questo quanto deciso con l’ordinanza comunale numero 161 del 26 maggio 2020