Maratona di Firenze. Sotto la pioggia, Matteo nono fra gli italiani. Ha corso in 2 ore e 40 , risultando 36° esimo assoluto ,

Era la maratona più attesa da Matteo Merluzzo per misurare le proprie capacità sulla distanza classica in una gara di primo livello.

Alla Asics Firenze Marathon, che si è corsa oggi Matteo ha corso in 2 ore e 40 , risultando 36° esimo assoluto ,ed al nono posto fra gli italiani. Gara bellissima e durissima di cui il nostro atleta può essere soddisfatto.

Edizione storica quella della 35esima edizione della Asics Firenze Marathon, è stao scritto nei giornali fiuorentini, bagnata dalla pioggia dall’inizio alla fine. 
In campo maschile vittoria per l’esordiente in maratona Abdi Ali Gelelchu. Ha chiuso in 2:11’32”, 16esimo tempo di sempre a Firenze.

Sul podio anche, secondo, Hicham Boufars del Marocco in 2:12’16” ( 24esimo crono di sempre a Firenze) e terzo Gilbert Kipruto Kirwa, keniano, col tempo di 2:13’08” (era stato terzo anche lo scorso anno).
Miglior italiano, ottavo Ahmed Nasef, dell’Atletica Reggio, in 2:23’19”.

Alle 8.30 erano partiti, sempre da piazza Duomo, 7905 atleti, il via dato dal sindaco di Firenze, Dario Nardella insieme a lui l’assessore allo sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci che poi ha seguito la corsa come da tradizione sulla moto del direttore tecnico Fulvio Massini.

I classificati ufficiali nel tempo limite di sei ore e 15 all’Asics Firenze Marathon 2018 sono stati 7585.

I partiti lo ricordiamo erano stati 7905. Per la soddisfazione anche dell’organizzazione che con il supporto di oltre 2500 volontari ha contribuito a far sì che quasi tutti, nonostante le avverse condizioni meteo, sono arrivati al traguardo.

 

 

 

 

 

 

 

Riguardo a redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Città della Pieve. Fausto Risini “Sport come educazione alla vita” Intervento del candidato sindaco di Liberamente

(comunicato stampa) Praticare un’attività sportiva significa crescere come persone e come cittadini. Crescere nella consapevolezza ...