M5S ai sindaci del Trasimeno. “Costituitevi parte civile nel processo sui rifiuti” Una lettera inviata a tutti i sindaci interessati

( comunicato stampa) I comuni del Trasimeno e Corciano si costituiscano parte civile nel processo sullo scandalo dei rifiuti in Umbria. A chiederlo sono tutti i consiglieri comunali e i gruppi del Movimento 5 stelle della zona lacustre e del corcianese in una lettera inviata oggi ai rispettivi sindaci.

Dopo mesi di inchieste, l’indagine denominata “Spazzatura d’oro connection”, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia in collaborazione con gli uomini dell’ex corpo forestale, è alla fasi finali. Il 4 dicembre è stata fissata l’udienza preliminare.

I reati contestati, si legge nella lettera dei pentastellati, sono: inquinamento ambientale, falso in registri e in atto pubblico, frode in pubbliche forniture e truffa aggravata. Attività illecite che per la procura di Perugia hanno consentito a vario titolo “ingiusti profitti” per milioni di euro da parte di Gesenu, Gest e TSA (Trasimeno Servizi Ambientali), ossia i gestori del servizio rifiuti dell’ATI 2 dell’Umbria. traffico e gestione illecita di rifiuti,

Considerando che i reati economici e ambientali contestati sono gravissimi e tenuto conto che già 2 anni fa i Sindaci del Trasimeno avevano espresso la necessità di costituire i Comuni come parte civile nelle varie sedi giudiziarie, i rappresentanti del Movimento 5 stelle chiedono a gran voce di passare dalle parole ai fatti e di schierarsi dalla parte dei cittadini, dell’ambiente e delle stesse pubbliche amministrazioni, parti offese nel processo

I consiglieri comunali del Movimento 5 stelle e i gruppi Meetup di Castiglione del Lago Città della Pieve Magione Panicale Piegaro Paciano Tuoro sul Trasimeno Passignano sul Trasimeno Corciano

Riguardo a redazione

5 commenti

  1. Sono molto contenta se si riuscisse a far passare due treni al giorno per la stazione di Chiusi ,io e so che sarebbe una ventata di opportunità anche per chi viaggia poco e una boccata d’ossigeno per l’economia per tutto il territorio ringrazio le persone che si stanno interessando per il problema ,invito Sidaci e. Chi. Ha. delle responsabilità di essere presenti e partecipare alla riuscita Anna Stefani

  2. luciano fiorani

    Assolutamente condivisibile quello che afferma il signor Orefice (che non conosco). “Di qua e di la dal fosso”, ovviamente, la situazione è identica.
    Quanto ai due treni alta velocità visti semplicisticamente come il toccasana della nostra emarginazione nei collegamenti ferroviari, fa un po’ ridere.
    Due treni veloci contro l’isolamento? E quali sarebbero le mete raggiungibili e in che orario?
    Insomma siamo, come al solito, alle suggestioni. I problemi accumulati sono ormai di tale portata che siamo ridotti ad affidarci ai detti della saggezza popolare, secondo cui, ogni meglio è meglio.
    Ma più in la non si va.

  3. Rodrigo

    La risalita del poggio fa ridere tutti ad esclusione dell’amministrazione stessa, un pulman elettrico sarebbe buona cosa, ma non soltanto per portare gente dal basso al centro, Batino dovrebbe fare uno studio anche delle frazioni e fare un pulmino che passi per esse in virtù alle esigenze, conosco persone che pagano 30 o 40 euro a colpo da Porto a Castiglione del lago perché devono fare una visita.

  4. Paolo Scattoni

    È una situazione del tutto paradossale. Invece di pensare un collegamento veloce da Perugia ad Arezzo e da Perugia a Chiusi nell’arco della giornata si spende una cifra incredibile. Parlo di collegamenti Perugia-Arezzo e Perugia-Chiusi perché da Arezzo e da Chiusi si potrebbero “agganciare” l’alta velocità. Un tempo si parlava di un collegamento Perugia Chiusi con un investimento minimo (la famosa proposta di Panettoni di alcuni anni fa) si sarebbe potuto avere un collegamento al di sotto dei 30 minuti.

  5. remo

    Non ci sono commenti per questa “cena”conviviale di personalita’ che dovrebbero andare a fare meno danni altrove ed invece ancora pontificano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Piegaro. Torna a risplendere l’antico tracciato delle Fonti Partito il progetto di recupero della strada medievale. Prevista anche la riqualificazione degli Arconi

(Cittadino e Provincia) Piegaro si riappropria dell’antico tracciato medievale. E’ partita la prima tranche di interventi ...